Cenere e incendi, Musumeci: " Chiederemo norma in sostegno comuni colpiti" :ilSicilia.it
Catania

l'annuncio

Cenere e incendi, Musumeci: ” Chiederemo norma in sostegno comuni colpiti”

di
5 Luglio 2021

“La prossima settimana l’Unità di crisi nazionale si riunirà in Sicilia su mia richiesta – Protezione Civile, Vigili del Fuoco e tutto il personale tecnico necessario – per fare il punto su una situazione, quella della cenere vulcanica, che dura ormai da mesi e che purtroppo, secondo le previsioni, non è destinata ad esaurirsi nello spazio di pochi giorni”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, oggi a Catania, al termine della riunione con la Protezione civile e con i sindaci dei Comuni maggiormente colpiti dalla ricaduta di cenere dell’Etna.

L’Etna ci tiene desti – ha aggiunto il governatore – la caduta di cenere crea una condizione di disagio indescrivibile per gli abitanti. Noi abbiamo la necessità di garantirne la rimozione nel più breve tempo possibile e di intervenire anche sui privati. E quando dico noi – ha sottolineato Musumeci – intendo noi Stato. Ecco perché a Roma chiederemo una norma nazionale perché venga finanziata l’attività di intervento di sostegno degli Enti Locali, per i privati e per le imprese. E lo stesso chiederemo al Parlamento regionale siciliano”. “Da Roma, ci arriva l’impegno di cinque milioni di euro, il primo lo abbiamo già accreditato come Regione. Crediamo di potere mettere assieme altre risorse per creare un fondo con contratto aperto, a cui i Comuni potranno accedere, senza bisogno di allungare le procedure. Siamo tutti mobilitati – ha concluso il presidente della Regione – affinché questa attività (di sostegno ai Comuni, ndr) possa ridurre al mimino gli effetti devastanti”.

“Anche sul tema degli incendi – che non è meno preoccupante di quello della cenere vulcanica – la prossima settimana incontreremo l’Unità di crisi nazionale. I piromani sono in piena attività e contro questi delinquenti – non ho difficoltà a dirlo – ci vorrebbe il carcere a vita. Perché il danno che fa un piromane al patrimonio botanico, boschivo, alla flora e alla macchia mediterranea è enorme. In un attimo si distrugge quello che la natura ha creato in 40-50 anni: non é concepire che questo avvenga”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, oggi a Catania, al termine della riunione con la Protezione civile e con i sindaci dei Comuni maggiormente colpiti dalla ricaduta di cenere dell’Etna, facendo il punto sull’emergenza incendi in Sicilia.

“Ci sono migliaia di focolai – ha aggiunto il governatore – la maggior parte di origine dolosa, altri legati alla distrazione e all’irresponsabile condotta dei proprietari dei fondi non coltivati abbandonati. Abbiamo impiegato tre canadair dello Stato e tutti e otto gli elicotteri della regione e abbiamo mobilitato a terra tutti gli uomini della Forestale e del servizio anti incendio”.

 

LEGGI ANCHE

Incendi e cenere, Musumeci chiede un vertice della Unità di crisi nazionale

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.