Cenere e incendi, Musumeci: " Chiederemo norma in sostegno comuni colpiti" :ilSicilia.it
Catania

l'annuncio

Cenere e incendi, Musumeci: ” Chiederemo norma in sostegno comuni colpiti”

di
5 Luglio 2021

“La prossima settimana l’Unità di crisi nazionale si riunirà in Sicilia su mia richiesta – Protezione Civile, Vigili del Fuoco e tutto il personale tecnico necessario – per fare il punto su una situazione, quella della cenere vulcanica, che dura ormai da mesi e che purtroppo, secondo le previsioni, non è destinata ad esaurirsi nello spazio di pochi giorni”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, oggi a Catania, al termine della riunione con la Protezione civile e con i sindaci dei Comuni maggiormente colpiti dalla ricaduta di cenere dell’Etna.

L’Etna ci tiene desti – ha aggiunto il governatore – la caduta di cenere crea una condizione di disagio indescrivibile per gli abitanti. Noi abbiamo la necessità di garantirne la rimozione nel più breve tempo possibile e di intervenire anche sui privati. E quando dico noi – ha sottolineato Musumeci – intendo noi Stato. Ecco perché a Roma chiederemo una norma nazionale perché venga finanziata l’attività di intervento di sostegno degli Enti Locali, per i privati e per le imprese. E lo stesso chiederemo al Parlamento regionale siciliano”. “Da Roma, ci arriva l’impegno di cinque milioni di euro, il primo lo abbiamo già accreditato come Regione. Crediamo di potere mettere assieme altre risorse per creare un fondo con contratto aperto, a cui i Comuni potranno accedere, senza bisogno di allungare le procedure. Siamo tutti mobilitati – ha concluso il presidente della Regione – affinché questa attività (di sostegno ai Comuni, ndr) possa ridurre al mimino gli effetti devastanti”.

“Anche sul tema degli incendi – che non è meno preoccupante di quello della cenere vulcanica – la prossima settimana incontreremo l’Unità di crisi nazionale. I piromani sono in piena attività e contro questi delinquenti – non ho difficoltà a dirlo – ci vorrebbe il carcere a vita. Perché il danno che fa un piromane al patrimonio botanico, boschivo, alla flora e alla macchia mediterranea è enorme. In un attimo si distrugge quello che la natura ha creato in 40-50 anni: non é concepire che questo avvenga”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, oggi a Catania, al termine della riunione con la Protezione civile e con i sindaci dei Comuni maggiormente colpiti dalla ricaduta di cenere dell’Etna, facendo il punto sull’emergenza incendi in Sicilia.

“Ci sono migliaia di focolai – ha aggiunto il governatore – la maggior parte di origine dolosa, altri legati alla distrazione e all’irresponsabile condotta dei proprietari dei fondi non coltivati abbandonati. Abbiamo impiegato tre canadair dello Stato e tutti e otto gli elicotteri della regione e abbiamo mobilitato a terra tutti gli uomini della Forestale e del servizio anti incendio”.

 

LEGGI ANCHE

Incendi e cenere, Musumeci chiede un vertice della Unità di crisi nazionale

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin