Centinaia di migranti sbarcati in 48 ore: Lampedusa nuovamente allo stremo :ilSicilia.it
Agrigento

il fatto

Centinaia di migranti sbarcati in 48 ore: Lampedusa nuovamente allo stremo

di
11 Ottobre 2020

Quattro barchini con a bordo complessivamente 63 tunisini sono stati avvistati e bloccati nelle acque antistanti a Lampedusa, dalle motovedette della Guardia di finanza.

Salgono a complessivi 728 i migranti sbarcati sull’isola da ieri.

I nuovi arrivati verranno portati all’hotspot dove verranno sottoposti a tampone anti-Covid. A partire da stanotte è prevista una nuova ondata di maltempo, con forti raffiche di vento sul canale di Sicilia. I pattugliamenti delle motovedette continuano ad andare avanti senza sosta.

**AGGIORNAMENTO**

Un barchino, con a bordo sei tunisini, fra i quali una donna, è riuscito ad arrivare fino a Sciacca (AG). L”imbarcazione è stata avvistata davanti la costa della località Sitas, in contrada Sovareto, e subito è stata bloccata da una motovedetta della Guardia costiera.

Varchi

Carolina Varchi

“Il governo la smetta di assistere inerme e cominci a porre un freno ai continui sbarchi di immigrati clandestini, ben 1200 negli ultimi dieci giorni nella sola isola di Lampedusa. I lampedusani sono allo stremo. L’economia dell’isola, già messa a dura prova dall’emergenza Covid 19 che ha sottratto turismo italiano ed estero, continua a subire colpi con l’arrivo di centinaia e centinaia di immigrati, con conseguenze molto serie anche per la salute pubblica“. A dichiararlo è Carolina Varchi, deputato di Fratelli d’Italia.

“I viaggi in Tunisia dei ministri Di Maio e Lamorgese sono stati dei fallimenti – prosegue -, così come gli 11 milioni di euro dati al governo tunisino perché arginasse le partenze. Occorre un governo forte e Conte e il suo esecutivo stanno dimostrando tutta la loro incapacità nel gestire i flussi migratori. L’unica soluzione era e resta il blocco navale proposto da Fratelli d’Italia. Il resto sono palliativi che non fermeranno i trafficanti di esseri umani e le morti in mare”.

Il deputato conclude sottolineando che: “Preoccupa molto la totale sottovalutazione del rischio sicurezza rappresentato dai soggetti per lo più pregiudicati che arrivano dalle coste tunisine, come giustamente rilevato e denunciato anche dal procuratore di Agrigento già molte settimane fa”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin