17 novembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 13.13
caronte manchette
caronte manchette

La nota della Fp Cgil

Centri dialisi Diaverum, al lavoro per evitare licenziamenti in Sicilia

13 settembre 2018

“Stiamo lavorando per evitare i licenziamenti. La soluzione individuata, condivisa dalla società, passerà al vaglio del lavoratori”. La Funzione Pubblica Cgil Sicilia, assieme alle altre organizzazioni di categoria, è impegnata nelle vertenza che riguarda la “Diaverum Italia”, che nel territorio regionale gestisce in convenzione 18 centri di dialisi e assiste 1250 pazienti. Venticinque i posti a  rischio.  Gli esuberi sono stati rilevati nelle strutture di Augusta, Castelvetrano, Barcellona  Pozzo di Gotto, Catania, Marsala, Nissoria, Palagonia, Ribera, Riesi,  Sciacca e Troina, mentre quella di San Gregorio di Catania è stata chiusa.

“In attesa dell’intervento, da noi sollecitato, dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, in cui confidiamo, per la convocazione di un Tavolo tecnico – spiegano i rappresentanti della Fp Cgil, Clara Crocè, segretaria regionale, ed Enzo Maggiore, segretario della sede di Caltagirone – vogliamo porre un argine a questo nuovo dramma occupazionale nell’Isola. Ci giocheremo a pieno le nostre carte – proseguono Crocè e Maggiore – per evitare che l’annunciato licenziamento collettivo si concretizzi. Ecco allora che, avendo visionato numeri e documenti e ricevuto dalla società i chiarimenti richiesti, abbiamo concordato, di concerto con la Diaverum Italia, di verificare la disponibilità dei lavoratori, in servizio nei centri interessati dalla procedura, ad accettare, in alternativa alla perdita del posto, la riduzione dell’orario di lavoro con il riproposizionamento della retribuzione. In caso contrario resta la soluzione, sempre di intesa con la società, della chiusura del rapporto di lavoro a fronte della corresponsione di un’incentivazione all’esodo”, concludono Crocè e Maggiore.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I bambini iperattivi non sono maleducati

Alle scuole e alle famiglie mancano sempre le risorse sufficienti per svolgere al meglio questo difficile incarico. Occorre che tutte le figure coinvolte lavorino in sinergia, assumendo atteggiamenti autorevoli e coerenti.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.