Centro internazionale di Fotografia: in mostra gli scatti di Strano e Palagonia | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Ingresso libero

Centro internazionale di Fotografia: in mostra gli scatti di Strano e Palagonia | FOTO

di
3 Marzo 2019

Guarda la fotogallery in alto

Due mostre fotografiche che sono due viaggi, con prospettive diverse, per raccontare luoghi e storie lontani. Le esposizioni, “Strade senza ritorno” di Roberto Strano e “Intimi di città” di Aldo Palagonia, fino al 10 marzo, sono ospitate al Centro Internazionale di Fotografia ai Cantieri Culturali della Zisa.

In “Strade senza ritorno” Roberto Strano, con 39 scatti, racconta la “drammatica realtà” dell’incidente stradale.

Frutto di un rigoroso lavoro durato più di 15 anni, l’artista ha attraversato il mondo in lungo e in largo documentando il fenomeno degli incidenti d’auto, che con migliaia di morti all’anno rappresentano la prima causa di morte tra i giovani tra i 18 e i 24 anni in Europa.

Immagini di auto ammaccate, vuote, bruciate, che nulla regalano alle mode attuali di un’eccessiva estetizzazione del dolore, ma al contrario con molta delicatezza scuotono come un pugno nello stomaco, per stimolare una riflessione su una realtà che passa troppo spesso inosservata.

Le foto di Strano, nei toni del bianco e nero, mostrano persone come se fossero lievemente appoggiate, senza peraltro esternare dolore o sofferenza in maniera cruda; uno stile che rivela la grande attenzione dell’autore per il rispetto e la profonda considerazione verso i suoi soggetti.

Dal suo canto Aldo Palagonia, in “Intimi di città“, propone un viaggio dell’istinto nei meandri del reale, solito, quotidiano, naturale.

Foto di strada nella strada, dove la bizzarra e inquietante libertà fa capolino nei ceffi, nei volti e nei pensieri dei comuni mortali, in cui si esterna la solitudine sociale, da manifestare, comunicare.

L’io che si cerca nel volto, nella ripetitività di gesti banali, che fungono da allarmi, attese casuali di incontro. Scontro con l’altro che guarda e osserva le reazioni, nell’indifferenza apparente di accadimenti e successioni.

Palagonia si immerge nel cuore profondo dei quartieri e attacca dritto al corpo: il suo obiettivo è casuale ma diventa causale, è un estremo gesto di socializzazione, afferra l’anima dei passanti.

Privi di didascalia i soggetti sono nella scena, lontani dalla tragedia, testimoni emarginati di una situazione, vitali, tanto quanto lo sguardo che li approccia e li sconvolge. Le ombre macchiano la regia dello scatto ed enucleano il fatto, di passaggio, dal basso o dal corner di attuazione. La prospettiva è un punto nel caso, che deturpa. Un istante prima che il luogo si vuoti, che la strada si serri o la piazza sia sgombrata, arriva lo scatto a fermare il momento.

Ingresso libero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin