Centro storico di Palermo, Samonà: "2,5 mln di euro per rivitalizzare le arti e le tradizioni" :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Centro storico di Palermo, Samonà: “2,5 mln di euro per rivitalizzare le arti e le tradizioni”

di
3 Febbraio 2021

In arrivo un’importante dotazione economica per le imprese che operano nell’ambito culturale e che presenteranno progetti da realizzare nel centro storico di Palermo.

Grazie al contratto appena stipulato con il Comitato Istituzionale di Sviluppo, l’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identita’ siciliana potra’ utilizzare 2,5 milioni di euro che saranno destinati a favorire lo sviluppo d’impresa nel settore dei servizi per i beni e le attivita’ culturali, con particolare riguardo all’imprenditoria giovanile e all’industria creativa.

L’intervento, che prevede l’istituzione di un Fondo, si configura come sostegno finanziario concreto per quegli imprenditori, soprattutto imprenditorialita’ giovanile, che svolgono la loro attivita’ nell’ambito della filiera dell’industria culturale e creativa e che hanno magari un sogno nel cassetto.

La misura, destinata a progetti di recupero e riqualificazione dei centri storici in condizioni di degrado, sara’ indirizzata anche alle imprese che operano nell’ambito della valorizzazione del patrimonio culturale immateriale di cui il centro storico di Palermo, proprio in virtu’ della forte identita’ culturale che ha caratterizzato Palermo, sono presenti numerose espressioni. Fra questi i “mercati storici”, le piazze e i quartieri dove si snodano le feste religiose.

Ma anche i mestieri o le botteghe che hanno fatto da ambientazione e quinta scenografica al teatro dell’Opera dei Pupi, che l’Unesco ha riconosciuto bene immateriale da tutelare. O, ancora, i canti popolari che costituiscono una stratificazione documentaria ideale per leggere la storia di Palermo e per raccontarla. Oltre ovviamente allo straordinario patrimonio culturale, artistico e monumentale.

“Attraverso il Fondo per le imprese che operano nel mondo culturale – sottolinea l’assessore dei beni culturali e dell’identita’ siciliana, Alberto Samonà  intendiamo rivitalizzare tutte quelle forme di attivita’ imprenditoriale in grado di recuperare arti, mestieri e tradizioni che sono profondamente connesse alla capacita’ espressiva della nostra cultura e delle specificita’ storiche, cancellate dopo gli anni ’70, da una visione economica del profitto e della produzione seriale”.

“Sostenere imprese per progetti di recupero del centro storico di Palermo, per il Governo regionale, significa prestare attenzione a una progettualita’ che mette al centro l’essere umano, con la sua creativita’ e operosita’ e valorizzare la storia, le tradizioni e le arti che operano nel territorio. Vuol dire – aggiunge l’assessore  – tornare a ripopolare il centro storico, ricostituendo quel tessuto culturale e artigianale che era esso stesso espressione d’arte. Ma non solo; penso anche alla possibilita’, attraverso progetti specifici, di recuperare e valorizzare la tradizione orale che si sta irrimediabilmente perdendo. Attraverso il Fondo, inoltre, abbiamo intenzione di realizzare un sistema a rete che possa mettere in relazione le iniziative di valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale dislocato nel centro storico palermitano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin