Centrodestra in Sicilia, si lavora per ritrovare l'unità :ilSicilia.it
Catania

gli incontri si sono svolti a Catania

Centrodestra in Sicilia, si lavora per ritrovare l’unità

di
17 Gennaio 2022

Obiettivo abbassare i toni, tenere unito il centrodestra e cercare di allargare la platea della maggioranza. Sono gli elementi emersi da una serie di incontri che si sono svolti a Catania nell’area di centrodestra che sostiene il governo Regionale, dopo le polemiche che hanno fatto seguito al voto in Aula sui grandi elettori per il Quirinale. Il primo al PalaRegione dove il governatore Nello Musumeci e il leader di Forza Italia e presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, si sono confrontati per un’ora. Un incontro definito “franco, cordiale e costruttivo“.

Ho iniziato con Gianfranco Micciché, di Forza Italia – spiega Musumeci – gli incontri con i segretari della maggioranza che sostengono il mio governo. Era giusto iniziare con Forza Italia che è il partito maggiormente rappresentato. Nei prossimi giorni, prima della fine di questa settimana, incontrerò ciascun segretario di tutti i partiti della maggioranza e poi seguirà una riunione collegiale“.

Dopo il governatore, Miccichè ha incontrato il leader degli Autonomisti, Raffaele Lombardo, l’eurodeputato di Fratelli d’Italia, Raffaele Stancanelli, il sindaco di Catania e coordinatore di Fdi per la Sicilia Orientale, Salvo Pogliese, e Nicola D’Agostino, deputato regionale di Sicilia Futura. Un ‘tour’ tra esponenti della maggioranza.

Il centrodestra – osserva Stancanelli – deve essere unito, lavorando per rafforzarsi e ampliarsi“. Gli fa eco Lombardo: “Mi dispiacerebbe che adesso tutto saltasse a gambe per aria”, sarebbe opportuno fare raffreddare il clima surriscaldato“. Per questo l’ex Governatore si dice “impegnato a fare abbassare i toni” e a “verificare nei prossimi giorni come può evolvere la situazione. Nello Musumeci ha pensato di potere avere rapporti soltanto con i suoi assessori e non con i partiti della sua maggioranza, ma adesso sembra che la situazione stia per cambiare, ma bisogna attendere l’elezione del Presidente della Repubblica“.

Nel centrodestra resta tuttavia l’incognita rappresentata dal sindaco di Messina Cateno De Luca, che proprio oggi ha presentato le sue dimissioni con il proposito di candidarsi alla presidenza della Regione in contrapposizione con Musumeci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.