Centrodestra ko a Messina: resa dei conti in Forza Italia e prime aperture a De Luca :ilSicilia.it
Messina

Chi ha tradito Bramanti?

Centrodestra ko a Messina: resa dei conti in Forza Italia e prime aperture a De Luca

di
26 Giugno 2018

Clima teso in Forza Italia dopo la sconfitta di Dino Bramanti a Messina. A conclusione di una campagna elettorale rovente, che ha visto i contendenti sfidarsi a suon di duri attacchi verbali sino anche alle denunce, c’è chi chiude le porte senza se e senza al neosindaco Cateno De Luca ma cominciano ad arrivare anche le prime aperture al nuovo primo cittadino che al secondo turno ha avuto nettamente la meglio sul candidato del centrodestra.

Dal risultato di Bramanti, travolto al secondo turno dalla rimonta di De Luca, emerge in modo abbastanza chiaro che c’è chi ha voltato le spalle al professore facendo il disgiunto in favore di Cateno De Luca forse già a partire dal primo turno e chi il tradimento lo ha messo in atto in termini del tutto palesi al ballottaggio di domenica scorsa.

L’on. Tommaso Calderone al ballottaggio ha scelto De Luca e dopo i malumori per la composizione delle liste dal deputato azzurro è arrivato un eloquente commento: “La “vendetta è un piatto che si serve freddo”. 

“Cinque anni fa il centrodestra non è arrivato al ballottaggio – evidenzia l’on. Nino Germanà -. Abbiamo perso al primo turno, abbiamo accettato la sconfitta e fatto gli auguri ad Accorinti. Anche adesso accettiamo la sconfitta ed a nome mio e di tutto il mio gruppo faccio gli auguri al sindaco De Luca, con l’auspicio che possa fare bene per Messina. Il mio ringraziamento va al professor Dino Bramanti, persona perbene e competente, che avrei voluto alla guida della città e che continuo a considerare il miglior sindaco che Messina avrebbe potuto avere. Sono orgoglioso di averlo sostenuto fino alla fine. Ci sarà tempo per riflettere sugli errori fatti dalla coalizione e che sono ricaduti su una delle migliori eccellenze che Messina vanta. Un’ultima nota: perdere fa parte del partecipare ad una competizione, perdere la serietà e la dignità scappando come codardi o come topolini dalla nave che affonda come qualche Schettino ha fatto, salendo in corsa sul carro del vincitore è un comportamento che, per fortuna, non ci appartiene”.

“I dati che emergono dal voto di domenica – afferma l’on. Matilde Siracusano ci raccontano di un palese trionfo del centrodestra in italia e dell’evidente crollo delle roccaforti della sinistra. Forza Italia raggiunge un risultato importante anche in quelle realtà che fino a ieri sono state tradizionalmente rosse. Anche la mia Messina si è pronunciata scegliendo Cateno De Luca, che propone un contratto per l’amministrazione della città da sottoscrivere indipendentemente dall’area politica di appartenenza. È tempo di fare un’attenta riflessione, un’analisi del voto puntuale e mettersi subito al lavoro per risollevare una città che ne ha profondamente bisogno. Da deputata messinese auguro il meglio al futuro di Messina, rivolgo il mio in bocca al lupo al neosindaco De Luca e, ovviamente, metto a disposizione della neoamministrazione la mia personale interlocuzione come ritengo sia doveroso in rispetto dei miei concittadini e della mia città, del ruolo che ricopro e del mio impegno per un territorio che ha bisogno di trovare risposte chiare”. “Mettiamoci a lavorare tutti invece di perdere tempo ed energie in chiacchiere sterili, offese e dietrologie di cui ognuno di noi dovrebbe essere arcistufo – ha poi aggiunto Siracusano in riferimento a chi l’ha attaccata per l’apertura a De Luca -. Io auspico che Messina sia ben amministrata e certamente non chiuderò le porte al sindaco della mia città per squadrismo o altre ragioni che ignoro. Non sono disposta a rispondere a sciocchezze simili”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin