Centrodestra, per le politiche parte la corsa a salire sul carro del vincitore :ilSicilia.it

Verso le Politiche

Centrodestra, per le politiche parte la corsa a salire sul carro del vincitore

di
20 Gennaio 2018

L’ultimo nome arrivato, fresco d’indiscrezione, è quello di Giorgio Mulè, direttore di Panorama, che potrebbe correre per un collegio  con Forza Italia alle Politiche in Sicilia, il prossimo 4 marzo.

La corsa è comunque partita. Tra anime laiche e spunti  di novità, nel centrodestra non mancheranno le conferme.

Dentro Forza Italia si respira un clima di consenso che ricorda i giorni migliori dei decenni scorsi.

Dopo un’inerzia assolutamente incerta, la vittoria di Musumeci alle ultime regionali ha cambiato il quadro anche in Sicilia.

Gli uomini di Forza Italia vogliono aprire un altro ciclo di risultati positivi dopo la buona affermazione alle regionali. Anche in questo caso la corsa al collegio sicuro rispolvera dentro FI vecchi equilibri e si confronta con la necessità dettata dalla legge elettorale dell’alternanza uomo-donna nelle candidature.

Marianna Caronia, deputata regionale eletta a Palermo, preferirebbe rimanere deputato all’Ars, restando in Sicilia, mentre sarà della partita Gabriella Giammanco alla Camera.

Tra i nomi in lizza anche quello di Carolina Varchi per FdI. Più complessa l’operazione di recupero di Simona Vicari in ballo per un posto in lista con Noi con l’Italia, il raggruppamento al cui interno prova a farle spazio Maurizio Lupi, dove certamente sarà in campo Saverio Romano.

Saverio Romano

A non mancare all’appello saranno Francesco Scoma che potrebbe spostarsi come capolista alla Camera e Renato Schifani che potrebbe occupare la stessa postazione al Senato. Per Forza Italia, tra gli altri nomi quello di Giulio Tantillo, in  corsa alla Camera per un collegio palermitano, Salvo Pogliese, che potrebbe liberare il posto a Innocenzo Leontini per un seggio di fine legislatura a Strasburgo, Basilio Catanoso e Vincenzo Gibiino.

Gianfranco Miccicchè vuol portare a Berlusconi un risultato importante e concentrarsi poi sulle vicende della politica regionale che lo vedranno portagonista dallo scranno più alto di Sala d’Ercole.

Raffale Stancanelli, coordinatore regionale di #diventeràbellissima, dovrebbe essere in pole position come candidato al Senato. Sarà l’ufficiale di collegamento e di raccordo con il nascente governo (di grandi intese?) romano, a cui affidare in condominio con Palazzo d’Orleans, alcune delle più rognose vertenze di Sicilia.

Pronti a correre anche Alessandro Pagano e Angelo Attaguile per Noi con Salvini ed Ester Bonafede per i centristi di Lorenzo Cesa.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin