16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.08

I Dem avviluppati su se stessi in cerca di un perchè

C’era una volta il Pd, la storia senza fine di un partito che arranca

11 Luglio 2018

Il Partito democratico aspetta e spera, si disunisce, invoca l’unità, cerca l’evoluzione dello scenario in trasformazione da Roma, ma poi rimane, immutato, al suo posto, senza ritrovare smalto ed energia per una significativa ripartenza.

Dopo l’elezione di Maurizio Martina, all’assemblea nazionale della scorsa settimana, in Sicilia si lavora sotto traccia. Un partito dalla struttura quasi virtuale nell’Isola, con un segretario regionale, Fausto Raciti, dimissionario, ma saldamente al suo posto.

I deputati regionali, anche alla luce degli esiti scaturiti dopo il voto delle amministrative di giugno, tengono banco, sono come le Città-Stato con singole giurisdizioni. A ciascuno il suo territorio.

A Cortona tra la fine di agosto e i primi di settembre intanto AreaDem, che fa capo a Dario Franceschini, con cui ultimamente parla spesso l’ex sindaco di Catania Enzo Bianco, si riunirà per decidere mosse e posizionamenti. Dalla Sicilia arriveranno i contributi di Anthony Barbagallo, ex assessore regionale al Turismo e Giuseppe Lupo, attuale capogruppo al’Ars del Pd.

Solida la posizione del gruppo ‘storico’ degli ex Ds, in cui si rivede molto il gruppo della Cgil vicino a Concetta Raia e Angelo Villari nei confronti del nuovo segretario dem  ed ex reggente Martina.

Più defilata la posizione di Antonello Cracolici, che non pare al momento interessato a promuovere e sviluppare una particolare azione politica in funzione di un eventuale congresso regionale.

Intanto Faraone rimane nel mirino delle altre componenti del partito, ma sul banco degli imputati finora tra i dem hanno fatto la spola in tanti, senza arrivare però a un punto definito.

La situazione di studio dell’attuale momento di strategie e riallineamenti all’interno del Partito democratico non risparmia anche il gruppo parlamentare dell’Ars. Nicola D’Agostino (Sicilia Futura) non ha mai fatto mistero del buon rapporto con Luca Lotti.

E intanto il tempo se ne va“, cantava Adriano Celentano, ma nel Pd non c’è tempo per la nostalgia. È finita anche quella. Gli elettori, dal canto loro, sono andati via da un pezzo…

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.