Cerimonia in onore della morte di Filippo Basile a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

domenica 5 luglio

Cerimonia in onore della morte di Filippo Basile a Palermo

di
4 Luglio 2020

Domenica 5 luglio si ricorda a Palermo Filippo Basile.

L’appuntamento per affermare ancora una volta verità e memoria è alle 9.30 davanti la targa posta nel luogo del vile agguato, nei pressi della rotonda Einstein, a pochi passi dall’Assessorato regionale all’Agricoltura.  A organizzare l’evento Pino Apprendi (Presidente Associazione Antigone Sicilia) e Sergio Infuso (Presidente Associazione per la Pace, contro la mafia, per i Diritti del Cittadino).

La storia

Nel caldo pomeriggio del cinque luglio del 1999, alle tre del pomeriggio, Filippo Basile ha completato la sua giornata lavorativa con l’impegno, la serietà e la professionalità di sempre.

Dopo aver messo in ordine le sue carte, esce dall’Assessorato e si dirige verso l’auto parcheggiata a pochi passi, ma, quel giorno non riuscì ad arrivare a casa  e dalla sua famiglia composta da Maria Rita e il piccolo Fabrizio.

Un assassino prezzolato, su commissione, pose fine alla sua vita di uomo libero, onesto, integerrimo.

Filippo Basile venne ritenuto “colpevole” dal criminale e collega d’ufficio che ne decise la morte per aver istruito il dossier disciplinare che avrebbe condotto al suo licenziamento.

Il mandante e il killer erano gli stessi che avevano ucciso nove anni prima un altro funzionario regionale , un galantuomo prezioso come Filippo, nella lotta al malaffare annidato dentro l’istituzione regionale: Giovanni Bonsignore.

In quella piazza che adesso porta il suo nome è nato un giardino che ricorda il sacrificio per sempre.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 19:10