Cgil Palermo, il convegno per una nuova geografia culturale della città [Fotogallery] :ilSicilia.it
Palermo

L'incontro al Real Teatro Santa Cecilia

Cgil Palermo, il convegno per una nuova geografia culturale della città [Fotogallery]

26 Febbraio 2018

Il Real Teatro Santa Cecilia ha ospitato il convegno organizzato da Slc Cgil Palermo dal titolo “Geografia Culturale: il complesso dei segni e dei luoghi. La cultura a Palermo come generatore di strutturalità”.

Mettere insieme i mondi della cultura a Palermo e fare crescere il colloquio tra la “base” e i sovrintendenti e direttori di fondazioni teatrali, liriche, sinfoniche, jazzistiche e artistiche. E ancora: lasciare un segno nell’anno di “Palermo Capitale Italiana della Culturacreando un progetto multidisciplinare e generatore di “strutturalità” che coinvolga tutti i luoghi della cultura a Palermo assieme a Regione e Comune.

Con questi obiettivi è stato organizzato il convegno a cui hanno preso parte anche due icone nazionali della danza e della regia teatrale: Carla Fracci e Beppe Menegatti.

Ad aprire l’incontro è stato Maurizio Rosso, segretario generale della Slc Cgil Palermo, che ha sottolineato la “necessità di creare un ordito territoriale fatto di segni e luoghi capaci di formare una civiltà multiculturale che promuovano le intelligenze territoriali“.

In quest’ottica è stato proiettato un video realizzato da Alfredo D’Amato, fotografo palermitano che ha avuto diversi riconoscimenti all’estero come l’Observer Hodge Photographic Award.

All’incontro erano presenti anche il sindaco Leoluca Orlando, il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo, l’assessora alle Politiche sociale, scuola e lavoro Giovanna Marano, l’assessore regionale Turismo, Sport e spettacolo Sandro Pappalardo, Emanuela Bizi, segretario nazionale Slc Cgil Produzione culturale.

Al confronto, moderato dal giornalista Alberto Bonanno, sono intervenuti diversi artisti palermitani e i sovrintendenti delle quattro fondazioni palermitane teatro Biondo, teatro Massimo, Foss e Brass Group.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona