Cgil: "Sanità pubblica al collasso in Provincia di Caltanissetta" :ilSicilia.it
Caltanissetta

LA NOTA DEI SINDACATI

Cgil: “Sanità pubblica al collasso in Provincia di Caltanissetta”

di
15 Giugno 2019

Il Segretario Generale della CGIL Ignazio Giudice con il Segretario Generale FP CGIL Rosanna Moncada intervengono con una nota in cui affrontano la questione della Sanità pubblica in provincia di Caltanissetta.

“Tante voci un unico grido: la Sanità pubblica in provincia di Caltanissetta è al collasso! Eppure basterebbe poco, basterebbe ascoltare, basterebbe incontrarsi tutti, confrontare le proprie esigenze e proporre ognuno per la parte di società civile che rappresenta possibili elementi di risoluzione. Ma le voci continuano ad essere tante e divise come le responsabilità di coloro che si contengono ruoli e funzioni. 

Perché sfugge che tra le tante voci quelle più inascoltate restano sempre quelle dei lavoratori che ogni giorno si  recano nei Presidi Ospedalieri per garantire la salute di tutti, e quelle del malato che è costretto a subire lunghe liste di attesa, lunghissime soste nei pronti soccorsi in attesa di un ricovero o di un soccorso in fase di emergenza. 

Rosanna Moncada e Ignazio Giudice
Rosanna Moncada e Ignazio Giudice

Abbiamo visitato gli Ospedali della Provincia  – spiegano i sindacalisti –  abbiamo parlato con i lavoratori, abbiamo ascoltato le loro parole cariche di rabbia ma anche di tanta rassegnazione perché quotidianamente devono scontrarsi con un sistema sordo che sembra sempre più allontanarsi  da quell’idea del sistema di servizio sanitario nazionale pensato e fondato sui principi della nostra Costituzione. Ci riferiamo ai tanti Ausiliari, operatori sanitari/infermieri professionali, medici, personale amministrativo che da tempo tamponano una situazione che non tarderà a esplodere in tutta la sua gravità.

Ci siamo immedesimati in loro non solo perché siamo un Organizzazione Sindacale che tutela i lavoratori e si propone come principale obiettivo la dignità del lavoro e la lotta contro ogni forma di discriminazione nei posti di lavoro, ma ci siamo confrontati anche come utenti, come malati, come persone che rivendicano il diritto alla salute e ciò che deve prescindere dal reddito individuale quindi alla corsa alla sanità privata anche per la diagnostica dato che avendo i soldi l’ecografia, la tac, la risonanza puoi ottenerla nel giro di qualche giorno e magari ti salvi, in caso di patologia tumorale. 

La salute  è un bene che appartiene a tutti i cittadini in quanto tali, prescinde dalla razza dal colore della pelle dal lavoro che si svolge.
La salute è un bene che non può essere governato solo dal sistema sanitario e   se oggi siamo a questo punto è perché non si condivide il senso di partecipazione sociale che scaturisce quando le Amministrazioni sanitarie e la politica non si fermano ad ascoltare la voce dei cittadini , delle parti sociali e sindacali. 

RazzaNon condividiamo le parole dell’Assessore Razza quando pensa di utilizzare medici pensionati o medici militari o quando decide di mortificare il  nostro territorio con provvedimenti che isoleranno sempre di più la nostra provincia, ogni singolo Comune. Le gravissime carenze di tutto il personale specializzato non possono essere risolte con questa sorte di “riparazioni caserecce”. È necessario un piano di reclutamento del personale straordinario che vada al di là dei proclami e che garantisca tutti  questi lavoratori che non possono più ad oggi essere garantiti nei loro diritti fondamentali e che sono mortificati da anni da una campagna denigratoria che oggi è una delle cause delle continue aggressioni a danno degli operatori sanitari che si consumano negli Ospedali partendo dal pronto soccorso. 

Gli stessi professionisti che però hanno dato dimostrazione di un grande senso del dovere e di abnegazione quando proprio due giorni fa a Gela a causa di un gravissimo incendio scoppiato all’interno di un mercatino rionale diverse persone sono rimaste ustionate gravemente.

Per questo Condividiamo appieno le parole del Vescovo di Caltanissetta e lo ringraziamo per aver ancora una volta parlato alla coscienza di ognuno di noi, per la scelta di farsi interprete di un disagio concreto che deve arrivare ai piani alti delle Istituzioni politiche che non devono e non possono declassare la vita di 270 mila cittadini sparsi in 22 Comuni che rivendicano chiarezza e non più mobilità sanitaria passiva, cioè quella voce di bilancio dell’Asp che certifica la quantità di cittadini della provincia di Caltanissetta che si ricoverano fuori provincia o fuori regione ma a pagare e sempre l’Asp della provincia nella quale si risiede ed i milioni di euro, cioè Euro 96.504.594,063 (mobilità passiva regionale cioè soldi dei 270 mila abitanti della provincia di Caltanissetta che vanno nelle Asp di altre province) sono talmente tanti da far rabbrividire, di questi euro 17.478.580,86 (mobilità passiva extraregionale cioè altre regioni).

Con gli stessi milioni di euro potevano essere utilizzati per fare assunzioni e comprare strumenti per la diagnostica così da bloccare il processo sanitario  migratorio, insomma con gli stessi milioni di euro la politica regionale potrebbe finalmente dare dignità ad un popolo che la pretende da decenni, che non vuole morire per la mancata assistenza e cura, stanco dei viaggi della speranza”, concludono Moncada e Giudice.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.