"Chat manomesse": poliziotto palermitano scagionato dalle accuse, riammesso in servizio :ilSicilia.it
Palermo

l'Operazione Dirty Cars

“Chat manomesse”: poliziotto palermitano scagionato dalle accuse, riammesso in servizio

di
11 Marzo 2021

Il questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, ha riammesso in servizio l’assistente della Polizia di Stato Fabrizio La Mantia, il poliziotto coinvolto nell’indagine “Dirty Cars”, l’inchiesta sul riciclaggio di autovetture rubate a Napoli e trasportate a Palermo coordinata dalla Procura del capoluogo.

L’istanza di revoca della sospensione e riammissione in servizio era stata presentata dall’avvocato Gioacchino Genchi a seguito dell’ordinanza emessa dal tribunale del Riesame di Palermo presieduto da Alessia Geraci, a latere Cristina Denaro e Rocco Cocilovo, che aveva integralmente annullato la misura cautelare dell’obbligo di firma disposta dal gip, in alternativa alla misura cautelare detentiva richiesta dal pm, “essendo venuti meno – si legge nell’istanza presentata dall’avvocato Genchi – i presupposti di fatto e di diritto che avevano determinato l’adozione della sospensione cautelare dal servizio”.

La Mantia è indagato per falso in atto pubblico, ricettazione e simulazione di reato. Nel corso delle indagini preliminari, dopo il sequestro del pc e dei cellulari di La Mantia il suo legale, l’avvocato Gioacchino Genchi, in passato superconsulente di procure e tribunali, ha intrapreso delle indagini informatiche, analizzando lo smartphone in uso al poliziotto.

Gioacchino Genchi“Ci siamo insospettiti quando su un nuovo cellulare il mio assistito ha cercato di recuperare il backup di WhatsApp dell’account, riattivato su un’altra sim – raccontata il legale – Il recupero del backup non è stato possibile perché, dopo il sequestro, mentre i cellulari dell’indagato si sarebbero dovuti trovare sigillati presso la procura di Palermo, qualcuno li aveva accesi e aveva manomesso le chat. L’operazione anomala, peraltro, era pure avvenuta in orari notturni, quando l’app aveva iniziato un nuovo backup nello smartphone sequestrato”.

Il pm ha nominato un consulente tecnico, facendo notificare all’indagato l’avviso di accertamenti irripetibili sui suoi cellulari. L’avvocato Genchi, però, ha chiesto l’incidente probatorio al gip. Il giudice lo ha accolto bloccando, di fatto, tutte le indagini tecniche che stava svolgendo la Procura.

“Il gip ha nominato un perito – continua l’avvocato – che, dopo avere eseguito la copia forense degli smartphone sequestrati a La Mantia, ha accertato che, in effetti, dopo il sequestro, quando i cellulari dovevano trovarsi sigillati, erano stati eseguiti diversi interventi nelle chat di WhatsApp che avevano alterato l’integrità e la completezza dei messaggi. In tutto questo, l’ultimo backup di WhatsApp dell’indagato, eseguito la notte prima del sequestro, era andato irreversibilmente compromesso per la maldestra interruzione della procedura, in occasione di una delle tante incursioni notturne, in cui il suo telefonino, mentre si trovava sequestrato, è stato riacceso, manipolato”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.