Che succede alla Regione? Musumeci e il suo movimento in vista delle Europee del 2019 :ilSicilia.it

Il governatore domenica è stato acclamato a Pontida

Che accade alla Regione? Musumeci e il suo movimento in vista delle Europee 2019

di
3 Luglio 2018

La trasferta di Pontida di Nello Musumeci, al di là di ogni possibile strumentalizzazione, forzatura, o ragionevole ipotesi di filo leghismo che ne viene fuori, ha posto sul campo del dibattito un tema vero, sul quale, c’è da scommetterci sin da ora, Musumeci manterrà un atteggiamento di imperturbabile attesa. A differenza cioè di Cuffaro, Lombardo e Crocetta, i tre presidenti della Regione che lo hanno preceduto a Palazzo d’Orleans, l’ex europarlamentare e già presidente della commissione Antimafia all’Ars, non solo non ha un partito, ma non fa mistero di non volerlo avere: “Da una vita sono al mio posto e sto bene dove sto”.

Va ricordato forse che anche ai tempi di AN, Musumeci, che divenne presidente della Provincia a Catania con il MSI e senza una maggioranza, amava spesso rimanere sulle sue posizioni. Un carattere deciso, ma non semplice, e una tenuta di fondo invidiabile nel rapporto con gli elettori gli garantivano in fondo un discreto margine di autonomia.

Cosa è cambiato oggi e quale aspetto nuovo dovrebbe legittimare il cambiamento di atteggiamento?

La maggioranza all’Ars che sostiene il suo esecutivo è debole e va puntellata. La geografia del centrodestra in Italia e in Sicilia, da novembre a oggi è profondamente mutata e Forza Italia non è più la stella polare della coalizione. Salvini, per molti è il futuro e se riuscirà a trasformare la ‘pancia’ degli italiani, e ci sono tutte le premesse, in un contenitore consolidato, giocherà anche nelle regioni, Sicilia compresa, un ruolo di primissimo piano. Le opposizioni che potrebbero consentire assist sporadici e di circostanza al governo regionale non sembrano mostrare una particolare accoglienza e rimangono tiepide alle iniziative.

Quale scenario dunque di lungo corso andrebbe preservato da scelte più prudenti?

Musumeci ieri ha aggiunto: “La Lega è stata ed è una forza di coalizione, e non dimenticate che è stata una delle prime forze politiche a dire sì alla mia candidatura alla Regione”

Eppure, la sensazione rimane quella di un’attesa tattica ancora difficile da spezzare. Un Musumeci con la casacca, non solo non rafforzerebbe l’esecutivo, ma probabilmente è fuori dal personaggio in questione. Nei giorni, anche difficili dei rapporti con Berlusconi, in passato, Musumeci ha sempre fatto particolare attenzione a rimanere un’entità a sé e in molti, prima dello scorso anno, glielo hanno rimproverato, salvo poi farsi trovare puntuali sotto il carro.

Sulle alleanze in vista del voto per le Europee del 2019, Musumeci ha chiarito la tempistica organizzativa del suo movimento rispetto agli appuntamenti elettorali del 2019: “Abbiamo fatto alla vigilia delle Politiche ed il congresso scelse di fare una alleanza elettorale con Fratelli d’Italia, terremo un congresso subito dopo l’estate per decidere assieme con gli iscritti cosa si dovrà fare. Una cosa però è l’alleanza strategica per una consultazione elettorale – ha sottolineato – un’altra cosa è l’autonomia di uva forza politica che vuole restare autonoma come Diventerà bellissima”. E da parte di Musumeci non sono mancate le puntualizzazioni e le analogie:” Qualche mese fa mi ha invitato Giorgia Meloni alla loro festa. Sono andato ma non significa che sia diventato di Fratelli d’Italia. Mi ha invitato la Lega e sono andato, è un problema di galateo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.