Chiaramonte Gulfi: ecco la XXXIII edizione della Sagra dell'Uva | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Ragusa

Il 14 e il 15 settembre

Chiaramonte Gulfi: ecco la XXXIII edizione della Sagra dell’Uva | IL PROGRAMMA

di
11 Settembre 2019

La nostra passeggiata di oggi ci accompagna nel ragusano che nell’immaginario, ormai, associamo a “Il Commissario Montalbano”, e precisamente a Roccazzo, una frazione di Chiaramonte Gulfi (RG) per la XXXIII edizione Sagra dell’Uva, a cura dell’Associazione Giovanile Roccazzo, che rappresenta uno degli appuntamenti più attesi di fine estate e che possiamo definire con tre parole a noi care: tradizione, genuinità e promozione dei prodotti tipici della montagna.

Chiaramonte Gulfi

Chiaramonte Gulfi, definito il Balcone di Sicilia per la sua magnifica posizione panoramica, è un’incantevole comune, disteso sui Monti Iblei, famoso per la gastronomia, la produzione di olio d’oliva e vino e per i tanti musei che ospita. La sua cucina, essendo un comune montano, ricca di funghi e formaggi, “magnifica il porco” che trasforma in salsicce, costate ripiene e salami. Il suo toponimo nato dall’unione di Chiaramonte, in ricordo di Manfredi, e Gulfi, “terra amena”, diventerà ufficiale solo nel 1881; gli altri, invece, sono meno noti: “Porta di la chaza”, “Arco dell’Annunziata” e “via della muraglia”.

Sagra Uva Roccazzo Chiaramonte Gulfi

Il teatro di questa festa è il mercato ortofrutticolo di Roccazzo, il nome deriverebbe dall’esistenza in passato di una rocca o torre, che accoglie gli stand, vede la partecipazione di numerosi venditori e produttori, permettendo grande facilità di parcheggio, elemento da non sottovalutare. Degustazione dei sapori classici della vendemmia, con oltre cinquemila litri di mosto utilizzati per la preparazione di mostarda e cuddureddi, per non parlare delle centinaia di chili di salsiccia e di frittelle. Particolare attenzione, ovviamente, viene riservata all’uva, messa a disposizione dei visitatori in diverse varietà, a cominciare da quella Italia, la regina della tavola, trasformando il cuore del mercato in una vera e propria «cittadella della vendemmia».

Come ogni anno l’Associazione Giovanile si occupa dell’organizzazione della Sagra dell’Uva e, come ogni anno, potrete anche comprare vino e mosto dolce e assaggiare, anche, un buon panino con la salsiccia degli Iblei, accompagnati da musica che vi farà scatenare in balli irrefrenabili.

 

IL PROGRAMMA

Sabato 14 settembre

Alle 18 – Mercato ortofrutticolo

Preparazione delle specialità tradizionale: mostarda, cuddureddi, frittelle, patatine fritte e panini con salsiccia

Alle 21

Serata d’animazione e balli di gruppo e liscio con Leonarda

Apertura con l’orchestra ArchEtna di Mojo Alcantara

Domenica 15 settembre

Alle 18 – Mercato ortofrutticolo

Preparazione delle specialità tradizionale: mostarda, cuddureddi, frittelle, patatine fritte e panini con salsiccia

Alle 21

Concerto live del gruppo Il Mito

Concluderà la serata Lorenzo Licitra

Chiudiamo con: “Il vino è la poesia della terra” di Mario Soldati.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.