Chiede il rinnovo della carta d'identità, ma per l'anagrafe di Palermo risulta morto :ilSicilia.it
Palermo

Il disguido per la mancata risposta al censimento

Chiede il rinnovo della carta d’identità, ma per l’anagrafe di Palermo risulta morto

di
30 Gennaio 2019

Chiede di rinnovare la carta d’identità ma l’impiegato comunale dietro lo sportello negli uffici dell’anagrafe gli risponde che per loro lui sarebbe morto quasi cinque anni fa.

E’ quanto accaduto ieri, come riporta il Giornale di Sicilia, a Antonio Bartolotta.

In tutti questi anni non ho avuto alcun sentore di questa assurda vicenda – dice Bartolotta – Mi sono state periodicamente recapitate tutte le tasse da pagare. Con una puntualità notevole, aggiungo. Mi è stata anche spedita la tessera sanitaria“.

Insomma, non avrebbe mai e poi mai immaginato di ‘essere morto, senza saperlo’.

Un errore di omonimia? “Non credo – ribatte -. Ho chiesto anche l’indirizzo della persona ritenuta morta. Ed è quello mio. Da sempre abito lì. Ed è davvero curioso che si verifichi un caso del genere“.

L’inizio della surreale vicenda risale a qualche giorno fa. Bartolotta si è accorto che la sua carta di identità era scaduta.

Sono andato negli uffici di circoscrizione più vicini alla mia abitazione – racconta -. Qui mi hanno detto che non mi potevano rilasciare la tessera nuova perché non risultavo essere più residente a Palermo. Dopo varie chiamate, incontri per lo più senza esito alcuno, sono andato negli uffici di viale Lazio. Pensavo che ci fosse un problema per accertare la residenza. Sono così andato con i testimoni allo sportello anagrafe. Lì la notizia della mia morte”.

Secondo l’assessore comunale Gaspare Nicotri, con delega ai servizi demografici, “nel caso di Bartolotta non si è trattato di morte ma di irreperibilità. Nello specifico, il cittadino è stato irreperibile nel corso del censimento del 2011. Successivamente, nel 2014, è stato fatto un confronto anagrafico. Comunque, gli uffici sono pronti a riscrivere Bartolotta“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.