Chiuse l'inchiesta sul caos firme false del M5S, spunta un nuovo indagato :ilSicilia.it

Spunta un nuovo nome nel mirino dei pm a cui adesso è affidato il responso

Chiuse l’inchiesta sul caos firme false del M5S, spunta un nuovo indagato

di
9 Febbraio 2017

La procura di Palermo ha chiuso l’indagine sulle firme false depositate dal Movimento Cinquestelle a sostegno delle candidature per le Comunali del 2012. Quattordici gli indagati, tra cui la “guida” Riccardo Nuti, deputato nazionale, e le parlamentari Giulia Di Vita, Samanta Busalacchi e Claudia Mannino che avrebbero deciso, il 3 aprile 2012, di ricopiare centinaia di firme originali per correggere un errore riguardo una data di nascita e per non rischiare di essere esclusi dalle elezioni. Nuti nel 2012 era candidato sindaco, adesso rischia il processo.

nutiI pm contestano la falsificazione materiale delle firme a 11 dei 14 indagati, esattamente per: Samanta Busalacchi, Giulia Di Vita, Claudia Mannino, Alice Pantaleone, Stefano Paradiso, Riccardo Ricciardi, Pietro Salvino, Tony Ferrara, Giuseppe Ippolito e i deputati regionali Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca che hanno entrambi deciso di collaborare con la Procura palermitana. A Nuti, invece, si imputa di avere fatto uso delle sottoscrizioni ricopiate.

Il procuratore aggiunto Dino Petralia e Claudia Ferrari contestano la violazione di una legge regionale del 1960 che prevede un periodo di detenzione che va dai due ai cinque anni per chi crei “falsamente, in tutto o in parte, liste di elettori o di candidati o altri atti dal Testo Unico destinati alle operazioni elettorali, o alteri uno di tali atti veri oppure sostituisce, sopprime o distrugge in tutto o in parte uno degli atti medesimi”. 

avvotato-salvatore-ugo-forelloAnche il candidato a sindaco di Palermo grillino Ugo Forello (nella foto a lato) si esprime sulla chiusura delle indagini: “Stiamo lavorando per il futuro della città, abbiamo massima fiducia nell’operato della magistratura come sempre, ma noi guardiamo avanti”.

Il 13/o indagato, il cancelliere del tribunale Giovanni Scarpello, è accusato di avere dichiarato il falso affermando che erano state apposte in sua presenza firme che invece gli sarebbero state consegnate dai 5 Stelle. Reato di cui risponde in concorso con Francesco Menallo, avvocato ed esponente dei 5 Stelle che consegnò materialmente le firme al pubblico ufficiale per l’autenticazione. Il 14° e ultimo degli indagati è Toni Ferrara, ex candidato al consiglio comunale, il nome ‘caldo’ dell’ultim’ora uscito dalle stanze della Procura di Palermo. Adesso i pm valuteranno se chiedere il rinvio a giudizio o l’archiviazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin