Chiuso dal '72, il villaggio diventa Museo d'arte contemporanea | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

Il villaggio Le Rocce è abbandonato al degrado da 44 anni

Chiuso dal ’72, il villaggio diventa Museo d’arte contemporanea

1 Dicembre 2016

Un nuovo e imponente progetto sul territorio per il patròn di Fiumara d’Arte, Antonio Presti. La Città Metropolitana di Messina ha infatti concesso al curatore la gestione del villaggio Le Rocce in comodato d’uso e Presti ha intenzione di “riportare alla luce un luogo meraviglioso da 44 anni sprofondato nel degrado” dando vita ad un Museo d’Arte contemporanea. Tra installazioni open air, bioarchitettura, soluzioni energetiche eco-sostenibili e stanze d’arte per uno spazio destinato a divenire albergo, un luogo chiuso dal 1972 sarà restituito alla comunità. La consegna ufficiale del villaggio avverrà il 13 dicembre e intanto sono stati avviati ieri i primi dialoghi con la presidenza del Consiglio, il presidente di Fiumara d’Arte intende rendere partecipe sia la politica che le istituzioni locali del percorso che sta per intraprendere e coinvolgere sin da subito anche la città per mostrare ai cittadini. molti dei quali mai entrati al villaggio, le potenzialità Le Rocce non appena saranno stati operati alcuni interventi necessari. Un’opportunità di rifunzionalizzazione, questa ideata da Presti, sulla quale si è espresso favorevolmente anche Giovanni Ardizzone, presidente dell’Assemblea regionale. “Ho appreso anch’io la notizia dell’accordo tra la Città Metropolitana e la Fondazione Fiumara d’Arte, e dico che riuscire a fare qualcosa per ridare lustro ad un luogo del genere è un fatto certamente positivo – commenta – Io sono per “il fare” e mi auguro che Presti riesca a riportare agli antichi splendori il villaggio Le Rocce».

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.