Chiusura Rinascente a Palermo: audizione all'Ars, ma Fabbrica Immobiliare non si presenta :ilSicilia.it
Palermo

lavori a Palazzo dei Normanni

Chiusura Rinascente a Palermo: audizione all’Ars, ma Fabbrica Immobiliare non si presenta

di
16 Settembre 2020

La vertenza della Rinascente di Palermo è stata al centro dell’audizione congiunta delle commissioni Attività produttive e Lavoro all’Ars. Nelle commissioni, presiedute dal vicepresidente dell’Assemblea Regionale Angela Foti, erano presenti l’amministratore delegato di Rinascente, Pierluigi Cocchini, tutte le sigle sindacali in rappresentanza dei lavoratori, e gli assessori del Comune di Palermo, Giovanna Marano Leopoldo Piampiano.

La vertenza ruota attorno al rinnovo del contratto di affitto dello stabile di via Roma all’attività commerciale da parte di Fabbrica Immobiliare, soggetto gestore dell’immobile per conto del proprietario Inarcassa. Rinascente ha ribadito l’impossibilità di sostenere un prezzo per la locazione che considera il triplo di quello di mercato. “In Commissione – spiega Foti, componente del gruppo di Attiva Sicilia all’Ars – non si è presentato nessuno per conto di Fabbrica immobiliare e Inarcassa e questo è un pessimo segnale in un momento in cui bisognerebbe attivare azioni di solidarietà e non di speculazione, specialmente da parte di enti interesse pubblico. A rischio ci sono il futuro di 300 lavoratori e la vivacità commerciale di un intero quartiere (quello di via Roma e piazza San Domenico) che sta provando lentamente a riprendersi dopo anni di crisi e di decadenza. Il prossimo passo che compiremo sarà quello di interfacciarsi con il ministro del Lavoro e con le figure apicali di Inarcassa”.

La città di Palermo e il suo tessuto economico non possono subire una lacerazione così profonda qual è la chiusura annunciata di Rinascente nel centro storico, in via Roma. Va scongiurata la perdita di posti di lavoro per le bizze della proprietà dell’immobile che ancora oggi, con prezzi fuori mercato, ricava 2,4 milioni di affitto all’anno per la sede Rinascente. L’ostracismo sulla revisione al ribasso del canone di affitto da parte di Fabrica Immobiliare, gestore del fondo pensioni Inarcassa, nasconde forse mire ormai non più celabili?“. Lo afferma Edi Tamajo, deputato di Italia viva all’Ars.

Tutto ciò avviene mettendo a rischio il lavoro degli attuali dipendenti di Rinascente, con spregio della dignità di chi opera da diversi anni nei negozi del conosciutissimo brand. Occorre fare chiarezza e spiegare la gravità dell’azione posta in essere da Fabrica Immobiliare, che si macchia di una responsabilità troppo grande che avrà il biasimo dell’intera città di Palermo“, conclude Tamajo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.