Chiusura Rinascente a Palermo: audizione all'Ars, ma Fabbrica Immobiliare non si presenta :ilSicilia.it
Palermo

lavori a Palazzo dei Normanni

Chiusura Rinascente a Palermo: audizione all’Ars, ma Fabbrica Immobiliare non si presenta

di
16 Settembre 2020

La vertenza della Rinascente di Palermo è stata al centro dell’audizione congiunta delle commissioni Attività produttive e Lavoro all’Ars. Nelle commissioni, presiedute dal vicepresidente dell’Assemblea Regionale Angela Foti, erano presenti l’amministratore delegato di Rinascente, Pierluigi Cocchini, tutte le sigle sindacali in rappresentanza dei lavoratori, e gli assessori del Comune di Palermo, Giovanna Marano Leopoldo Piampiano.

La vertenza ruota attorno al rinnovo del contratto di affitto dello stabile di via Roma all’attività commerciale da parte di Fabbrica Immobiliare, soggetto gestore dell’immobile per conto del proprietario Inarcassa. Rinascente ha ribadito l’impossibilità di sostenere un prezzo per la locazione che considera il triplo di quello di mercato. “In Commissione – spiega Foti, componente del gruppo di Attiva Sicilia all’Ars – non si è presentato nessuno per conto di Fabbrica immobiliare e Inarcassa e questo è un pessimo segnale in un momento in cui bisognerebbe attivare azioni di solidarietà e non di speculazione, specialmente da parte di enti interesse pubblico. A rischio ci sono il futuro di 300 lavoratori e la vivacità commerciale di un intero quartiere (quello di via Roma e piazza San Domenico) che sta provando lentamente a riprendersi dopo anni di crisi e di decadenza. Il prossimo passo che compiremo sarà quello di interfacciarsi con il ministro del Lavoro e con le figure apicali di Inarcassa”.

La città di Palermo e il suo tessuto economico non possono subire una lacerazione così profonda qual è la chiusura annunciata di Rinascente nel centro storico, in via Roma. Va scongiurata la perdita di posti di lavoro per le bizze della proprietà dell’immobile che ancora oggi, con prezzi fuori mercato, ricava 2,4 milioni di affitto all’anno per la sede Rinascente. L’ostracismo sulla revisione al ribasso del canone di affitto da parte di Fabrica Immobiliare, gestore del fondo pensioni Inarcassa, nasconde forse mire ormai non più celabili?“. Lo afferma Edi Tamajo, deputato di Italia viva all’Ars.

Tutto ciò avviene mettendo a rischio il lavoro degli attuali dipendenti di Rinascente, con spregio della dignità di chi opera da diversi anni nei negozi del conosciutissimo brand. Occorre fare chiarezza e spiegare la gravità dell’azione posta in essere da Fabrica Immobiliare, che si macchia di una responsabilità troppo grande che avrà il biasimo dell’intera città di Palermo“, conclude Tamajo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin