Chiusura Tonnara di Favignana, per Miccichè è colpa della Lega :ilSicilia.it

lo sfogo su facebook

Chiusura Tonnara di Favignana, per Miccichè è colpa della Lega

di
31 Maggio 2019

“Oggi è morta la Tonnara di Favignana. Lo ha deciso un sottosegretario della Lega – Salvini Premier e la cosa credetemi non mi da pace” a scriverlo in un post su Facebook, Gianfranco Miccichè presidente dell’Ars.

L’azienda Nino Castiglione, con un enorme sforzo economico e con il sostegno della giunta Musumeci, aveva da poco riaperto la storica struttura dando lavoro a centinaia di maestranze, restituendo al mondo una tra le più grandi tonnare del Mediterraneo e dal passato glorioso” si legge ancora nel post.

Soltanto un leghista di Oderzo, comune che dista 50 chilometri dal mare, uno che non sa neanche cosa sia il mare, figuriamoci l’industria conserviera ittica, poteva rendersi protagonista di una distribuzione delle quote tonno a totale svantaggio di Favignana” aggiunge Miccichè.

Continuiamo così – conclude Gianfranco Miccichè -continuiamo a votare Lega e Matteo Salvini consegniamo le chiavi del Paese a gente che affama il Sud: facciamoci del male! Invito tutti i deputati siciliani a Roma, di qualsiasi schieramento o partito, ad inchiodare alle sue responsabilità l’uomo di #Salvini e a chiedere una immediata revisione della distribuzione delle quote tonno“.

 

LEGGI ANCHE:

Miccichè scatenato dopo le Europee: “I leghisti ci prendono per il culo, ammazzerei chi li ha votati”

Tonnara di Favignana, la Castiglione costretta a chiudere: “Decisione sofferta”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin