Ci salveranno nuovamente i “Responsabili”? :ilSicilia.it

Ci salveranno nuovamente i “Responsabili”?

di
28 Aprile 2018

Carissimi
In questa fase di “stallo” politica, ci salveranno nuovamente “i responsabili”?
Siamo in attesa e nella speranza di un gesto “responsabile” e mi chiedevo in questi giorni: “chi è il responsabile?” Una frase che per decenni ha atterrito generazioni poiché nell’immaginario collettivo il “responsabile” era una sorta di agente segreto del quale se ne sconosceva l’esistenza, era una sorta di mito, un uomo ombra che viveva una doppia vita, la sera a casa integerrimo pantofolaio padre di famiglia e di giorno “responsabile” di qualcosa in una qualsiasi organizzazione.

Ci accorgevamo di lui soltanto quando a seguito di un grosso problema ci si chiedeva: “chi è il responsabile?” Ci accorgevamo di lui figurativamente, quando a seguito di una esplosione, un botto, un barattolo di vetro che si rompeva in mille pezzi in tutte le direzioni, chiunque scappava e si generava quel sordo silenzio fatto di gente che guardava da dietro le scalette delle persiane chiuse, in attesa che giungesse il delegato e chiedesse: “chi è il responsabile?”.

Per anni abbiamo creduto che il “responsabile” fosse una sorta di capro espiatorio dimenticando anche che l’esser responsabili è anche segno di persona con la testa a posto e consono dei suoi doveri e dei suoi compiti. Ci tentarono due uomini politici con finalità diverse, Bassanini e Merloni quando per legge crearono le figure importanti per la pubblica amministrazione di RP e RUP, il primo con l’intento di stanare il mezze maniche pubblico che curava il procedimento di una pratica, l’altro nel tentativo di creare un tecnico manager della pubblica amministrazione che rimanesse unico responsabile delle decisioni e dell’andamento dell’iter procedurale dall’ideazione dell’opera al suo completamento chiavi in mano.

Il primo fu osannato, il secondo fu vituperato dal sistema fino quasi ad esser proposto per l’internamento. Pensate cosa potesse significare il nominare un soggetto “responsabile unico”, manager, con pieni poteri e soprattutto la libertà di scegliere i professionisti fiduciari da incaricare. Quanta imprudenza con il senno di poi, bastava chiedersi ad esempio: “Chi comanda nella burocrazia?”. “La massima carica eletta dai cittadini?” No, illusione, le elezioni sono solo un esercizio didattico e lo dimostrano le vicende odierne. Purtroppo chi comanda è soltanto chi gestisce l’informazione, ma non quelli che veicolano le notizie, quelli dei così detti conflitti d’interesse, chi comanda oggi e da sempre è colui che negli armadi tiene conservate “le informazioni” e non le veicola, ma minaccia sempre di farlo.

Chi comanda è colui che conserva i dossier su tutti noi, senza la necessità di possedere né una Tv o un giornale, a volte senza neanche avere necessità di comparire. Pensavate che la burocrazia desse nelle mani di un solo soggetto tutta questa libertà d’azione?
Dicono che in Sicilia nel 1994 appena si paventò l’dea di dover recepire la legge Merloni, nella sua segreteria politica, l’assessore Burbazza bestemmiasse come un turco e continuasse a dire: “ohhhh ma chi vulimu metteri i puddricini o suli?”.

E sì, i grandi statisti in poco tempo fecero in modo che nel recepimento il Responsabile Unico, diventasse responsabile di qualsiasi cosa, ma dovesse poi passare dal vaglio e da una superiore firma non avendo (il più delle volte) responsabilità sulla spesa e prima che tutti si abituassero all’idea, gli tolsero subito la facoltà di nominare consulenti, ma gli lasciarono quanto meno la facoltà di richiederli.
La saggia politica avrebbe continuato a fare le scelte meritorie e così anche se alla richiesta di un consulente come Renzo Piano fosse giunto l’ultimo dei più incompetenti ma “del cerchio magico”, il RUP ne sarebbe comunque rimasto responsabile lo stesso e per tutta la vita, per sempre, come un diamante De Beers.

Chi è il responsabile? Bella domanda, abbiamo un concetto strano della responsabilità, ma se chi è responsabile non ha potere poiché ogni sua decisione deve essere vagliata da chi può e di contro le sue responsabilità sono subito additate da chi vorrebbe ma non può mentre si dimena in un acrobatico gioco a tirarsi di sotto, siamo lontani. Che mondo di irresponsabili siamo diventati se comando e non sono responsabile e di contro se sono responsabile e non conto un cazzo! Come al solito c’è qualcosa che non funziona in un mondo dove la responsabilità si riconduce soltanto alla identificazione di colui nelle cui mani si spegne il cerino.

Per fortuna ecco che ritorna la vecchia e cara politica a ridare dignità alla responsabilità arrivando a chiamare “responsabili” coloro che con grande “fanghitudine” da perdenti si vendono ai vincitori senza numeri per garantirgli la maggioranza in cambio di una poltrona.
Come non si può non guardare a tutto ciò con grande ironia?

Un abbraccio Epruno.
(continua, forse …..)

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin