Ciclismo, Giro di Sicilia: Stacchiotti vince in volata :ilSicilia.it
Catania

Il marchigiano conquista tappa e maglia

Ciclismo, Giro di Sicilia: Stacchiotti vince in volata

di
3 Aprile 2019

Riccardo Stacchiotti vince la prima tappa del Giro di Sicilia (Catania – Milazzo 165 km) e conquista la prima maglia rossa e gialla. La tappa è stata percorsa in 3 ore e 48 minuti, con la media di 43,414 km/h di media. L’evento è organizzato da Rcs Sport/ La Gazzetta dello Sport, in collaborazione con la Regione Siciliana.

Alla partenza di Catania sono presenti 123 atleti. A presentare l’evento, l’Assessore Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, Sandro Pappalardo, e due ospiti d’eccezione quali Ivan Basso e Alberto Contador. La prima tappa parte da Catania intorno alle 12.25 sotto un tiepido sole. La corsa si anima con la classica fuga da lontano, composta da quattro uomini: Hagen (Team Riwal), Munoz (Colpeportes), Baldaccini (Kolpak) e Puccioni (Sangemini).

Il percorso si presenta pianeggiante e senza particolari asperità, fatta eccezione per il Colle San Rizzo, unico GPM di giornata. Sulla salita, Munoz attacca e viene seguito solo da Hagen, mentre i due compagni di fuga si staccano. Il gruppo scollina con un ritorno intorno ai 2’30”. Dopo il passaggio sul Gpm, Munoz dimostra tutti i suoi limiti in discesa e, dopo un paio di curve sbagliate, cade e lascia da solo Hagen al comando.

Nel gruppo  principale succede poco fino alla fine della discesa, quando si spezza in più tronconi sotto l’influsso della Androni e della Delko, mentre la Uae Emirates decide di stare passiva in quanto Ferrari, uomo di punta della formazione Pro Tour, era rimasto nel secondo troncone del gruppo.

Il plotone si ricompatta pochi chilometri dopo ma continua a spingere sotto l’impulso della Uae Emirates e della Androni Giocattoli. Ai 35 km dall’arrivo, i tre inseguitori vengono raggiunti dal gruppo, mentre Hagen rimane con circa 2 minuti sul gruppo. Hagen si dimostra un ottimo passista ma non riesce a contenere l’avanzata del gruppo e viene ripreso a 16 km dalla conclusione.

Entrati nella penisola di Milazzo, la Androni Giocattoli prende in mano la situazione e mette alla frusta tutto il gruppo. Il treno della Androni viene condotto, fra le curve di Milazzo, da Montaguti, Cattaneo e Masnada, i quali tentano di condurre la volata di Manuel Belletti. Gli ultimi 10 km sono contraddistinti da un alternanza di c.d. mangia e bevi e da una lunga discesa nei 4 km finali.

L’arrivo, come da previsioni, è in volata. Molano lancia la volata ai 400 metri dal traguardo e costringe Belletti a partire lungo. Belletti lo affianca e lo supera ma, nei metri finali, viene beffato da Stacchiotti, che porta a casa tappa e maglia.

Classifica Finale

  1. Riccardo Stacchiotti (Giotti Victoria) 3h 48′ 02” a 43,414 km/h di media
  2. Manuel Belletti (Androni Giocattoli)  s.t.
  3. Luca Pacioni (Neri Selle – Italia)  s.t.
  4. Sergey Shilov (Gazprom – Rusvelo) s.t.
  5. Juan Molano (UAE – Emirates) s.t.

Domani la seconda tappa, con partenza da Capo d’Orlando ed arrivo a Palermo, su una distanza di 236 km.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.