Ciclismo: sei versanti dell'Etna in dodici ore, due palermitani compiono l'impresa :ilSicilia.it
Catania

SI TRATTA DI DANIELE CASTRORAO E MAURO GIACONIA

Ciclismo: sei versanti dell’Etna in dodici ore, due palermitani compiono l’impresa

di
29 Giugno 2020

Daniele Castrorao e Mauro Giaconia: questo è il nome dei due ciclisti palermitani che hanno ottenuto il titolo di “Re dell’Etna“. Il riconoscimento gli è stato conferito in quanto sono riusciti a percorrere consecutivamente i sei versanti della montagna, vetta che farà parte del percorso del prossimo Giro d’Italia.

L’IMPRESA

Dodici ore trascorsi in sella sui versanti del vulcano più alto d’Europa, per un totale di 200 chilometri percorsi in 12 ore di gara. Partenza alle 4 del mattino di sabato 27 giugno, con arrivo alle 16. Il tutto si è svolto senza supporto logistico di un auto per rifornimenti o interventi meccanici.

Oltre settemila metri di dislivello, percorrendo le salite di Linguaglossa, Fornazzo, Zafferana, Pedara, Nicolisi e Ragalna. Un’impresa difficile già per i professionisti, ma che i due palermitani hanno completato con successo.

Daniele Castrarao, istruttore di triathlon del Tennis Club Palermo 2, è stato impegnato per 14 volte in gare ironman. Dal canto suo, Mauro Giacone è un triatleta già detentore del record di ultramaratona di nuoto centrato, percorrendo 152 chilometri in 38 ore.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.