Ciclismo: sei versanti dell'Etna in dodici ore, due palermitani compiono l'impresa :ilSicilia.it
Catania

SI TRATTA DI DANIELE CASTRORAO E MAURO GIACONIA

Ciclismo: sei versanti dell’Etna in dodici ore, due palermitani compiono l’impresa

di
29 Giugno 2020

Daniele Castrorao e Mauro Giaconia: questo è il nome dei due ciclisti palermitani che hanno ottenuto il titolo di “Re dell’Etna“. Il riconoscimento gli è stato conferito in quanto sono riusciti a percorrere consecutivamente i sei versanti della montagna, vetta che farà parte del percorso del prossimo Giro d’Italia.

L’IMPRESA

Dodici ore trascorsi in sella sui versanti del vulcano più alto d’Europa, per un totale di 200 chilometri percorsi in 12 ore di gara. Partenza alle 4 del mattino di sabato 27 giugno, con arrivo alle 16. Il tutto si è svolto senza supporto logistico di un auto per rifornimenti o interventi meccanici.

Oltre settemila metri di dislivello, percorrendo le salite di Linguaglossa, Fornazzo, Zafferana, Pedara, Nicolisi e Ragalna. Un’impresa difficile già per i professionisti, ma che i due palermitani hanno completato con successo.

Daniele Castrarao, istruttore di triathlon del Tennis Club Palermo 2, è stato impegnato per 14 volte in gare ironman. Dal canto suo, Mauro Giacone è un triatleta già detentore del record di ultramaratona di nuoto centrato, percorrendo 152 chilometri in 38 ore.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin