20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.55
Catania

Il racconto su Facebook

Ciclista catanese picchiato da automobilista: gli frattura lo zigomo e rompe il timpano

26 Maggio 2018

CATANIA – Il ciclista Claudio Maria Fusto, presidente dell’associazione “Il Pedale nel Cuore”, denuncia su Facebook un’aggressione subita mentre si trovava, in compagnia di altre tre persone, in sella alla sua bici sulla strada provinciale 15, all’altezza di Ponte Barca a Paternò. Un automobilista, forse infastidito dalla loro presenza, si ferma, lo minaccia e alla fine lo colpisce con un pugno buttandolo per terra.

“Prima ci sorpassa gridando delle frasi ingiuriose, poi ci taglia la strada cercando di farci cadere”, in un secondo momento – dopo una “serie di parolacce e un battibecco” con gli altri ciclisti – minaccia di “ammazzare” il presidente dell’associazione. A quel punto scatta l’aggressione: “Mi butta giù e, una volta a terra, scende della macchina per darmi un pugno in faccia procurandomi la rottura del timpano, la lesione dello zigomo e il taglio del sopracciglio“. Il ciclista, dopo qualche giorno, trova il coraggio di denunciare tutto su Facebook postando anche le foto del suo volto.

Ma per il ciclista la ferita più grande è quella nel mio animo. In questi giorni sto provando a pedalare, ma la bici non m’incanta più, ho la nausea. So che la colpa di tutto questo non è solo dell’automobilista, ma di tanti altri ciclisti che purtroppo pedalando a volte in modo sbagliato e al centro della strada provocano questo tipo di odio. Mettici i social e il virus dell’odio che c’è nell’aria, porta a questo tipo di situazioni. Ma questo non giustifica quello che mi è accaduto”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.