Cimitero Sant'Orsola di Palermo: tempi di attesa ridotti per le sepolture :ilSicilia.it
Palermo

Accordo tra comune e fondazione camposanto Santo Spirito

Cimitero Sant’Orsola di Palermo: tempi di attesa ridotti per le sepolture

di
23 Settembre 2018

Il nostro appello ha colpito nel segno: il protocollo d’intesa tra il comune di Palermo e la fondazione Camposanto di Santo Spirito, che gestisce il cimitero di Sant’Orsola, consentirà di ridurre i tempi di attesa per la sepoltura dei defunti. Una buona soluzione che consente di tamponare l’emergenza e di dare una risposta immediata a tante famiglie”, a dirlo è Paolo Caracausi, consigliere comunale di Palermo del Mov139 in quota Idv.

Paolo Caracausi

Nel frattempo il Coime allestirà una camera mortuaria refrigerata ai Rotoli per accogliere altre 35 salme – continua Caracausi – questo permetterà di non costringere le famiglie a tenere i propri defunti in casa anche per giorni. Nei giorni scorsi avevamo denunciato il problema, rispondendo all’accorata richiesta di aiuto di alcune famiglie, e siamo grati al sindaco Orlando e all’assessore Nicotri per essere intervenuti prontamente. Adesso in consiglio comunale andranno trovate soluzioni a lungo termine”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.