Cinema, Barbagallo: "Dove sono i ristori promessi dalla Regione?" :ilSicilia.it

il fatto

Cinema, Barbagallo: “Dove sono i ristori promessi dalla Regione?”

di
18 Maggio 2021

Ma che fine hanno fatto i ristori per i cinema e le imprese che operano nel settore spettacolo dal vivo? A seguito dell’emendamento proposto dal Pd ci sono cinque milioni di euro disponibili previsti sia dalla finanziaria 2020 sia in quella approvata quest’anno. E’ stata anche pubblicata la graduatoria delle istanze ammissibili ma ancora, dopo 15 mesi, non e’ stato sborsato neanche un centesimo. Tutto questo e’ inaccettabile. L’ennesima vergogna per un governo di incapaci”. Lo dice il deputato e segretario regionale del Pd Sicilia, Anthony Barbagallo, “Governo della Regione siciliana e assessore al Turismo, al di la’ degli annunci di mera propaganda, non riescono a sbloccare le risorse – aggiunge – nei confronti delle imprese ammesse attraverso un bando emanato dal suo assessorato e una graduatoria pubblicata il 24 dicembre 2020. I soldi ci sono, questa è la certezza. Così come è sicuro che questo governo è incompetente e impreparato anche a predisporre atti di ordinaria amministrazione. Sono stati infatti commessi una serie di errori gravi e di colpevoli omissioni sulla pelle degli operatori del settore“.

In primo luogo, anziché predisporre gli atti subito, maggioranza e governo si sono resi protagonisti, nell’agosto 2020, di una imboscata in aula – afferma – per fare inserire tra i beneficiari della stessa disposizione anche qualche grosso elettore che nulla aveva a che vedere con il testo iniziale. In secondo luogo, la graduatoria definitiva e’ stata approvata, con molta calma, solo a fine anno. E poiché i provvedimenti di liquidazione non sono stati emessi prontamente, le somme hanno dovuto aspettare la “reiscrizione” nel nuovo bilancio 2021“.

Infine, più di recente, un ricorso al Tar proposto dall’Antitrust evidenzia errori da matita blu – spiega ancora Barbagallo – poiché si lamenta l’esclusione delle imprese che operano in Sicilia ma con sede legale fuori dall’Isola. In definitiva, se l’assessore Messina e’ convinto della regolarità della procedura – aggiunge il segretario dem – liquidi subito le somme. Se invece non lo è riveda immediatamente la graduatoria accogliendo i rilievi proposti e facendo cessare la materia del contendere. Ma lo faccia presto, non c’è più tempo da perdere. E poi, chiuda in bellezza: vada a casa, si ritiri – conclude Barbagallo – perché non è in grado di gestire la cosa pubblica“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin