"Cinema e Giornalismo", il nuovo libro di Ivan Scinardo :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

il saggio in libreria

“Cinema e Giornalismo”, il nuovo libro di Ivan Scinardo

di
11 Dicembre 2020

E’ uscito in libreria e online il libro del collega giornalista Ivan Scinardo, “Cinema#Giornalismo”. La ricerca contenuta in questo saggio critico è frutto di un lungo e complesso lavoro che l’autore ha svolto, grazie al suo percorso professionale: quello di giornalista professionista e di Direttore della sede siciliana, specializzata nel documentario, della più importante e antica scuola di cinema al mondo, il Centro Sperimentale di Cinematografia.

Oltre 3 anni di ricerche, raccolta dati, osservazione, visioni di film, incontri con i giornalisti. L’Ordine di Sicilia ha inserito il “Cinegiornalismo” fra i moduli della formazione obbligatoria degli iscritti.

Questo libro, di 352 pagine, rappresenta una vera e propria bussola per chi vuole conoscere il vasto panorama di film che, in un secolo di storia, hanno visto protagonisti giornalisti, editori, comunicatori in genere. 250 titoli, costituiscono la filmografia di riferimento, con la citazione di oltre 800 nomi di registi, attori, sceneggiatori, giornalisti: rimangono da censire tanti film minori e chissà potrebbero trovare posto in una prosecuzione di questo lavoro. Le schede illustrate privilegiano un taglio narrativo scarno che non ha l’ambizione di essere critica giornalistica, ma una sorta di “esca” per chi ama il cinema e il giornalismo di riferimento e non solo.

L’editore è 40due edizioni, la prefazione è del giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco, mentre la copertina di Antonio Di Natale.

LA PREFAZIONE

Il saggio critico di Ivan Scinardo, accompagna il lettore sulla soglia della vetrina in cui si specchia il vero e il verosimile dello spirito del tempo. Innumerevoli pellicole hanno celebrato o solo descritto, al cinema, figure di giornalisti nelle loro più varie tipologie.

Eroi o codardi, cinici o idealisti, pronti a tutto, pur di far trionfare la loro verità o, disponibili, a vendersi al migliore offerente. Sono quasi sempre figure maschili che per tutto il secolo scorso hanno interpretato tutte le mansioni nella gerarchia della carta stampata, semplici redattori o direttori, freelance o inviati speciali, perfino investigatori capaci di sostituirsi, con successo, nel giornalismo d’inchiesta, alle forze dell’or dine. Del resto il crinale tra racconto, giornalismo ed investigazione rischia di essere estremamente sottile e spesso i giornalisti hanno pagato sulla loro stessa pelle la coerenza della loro professione e il cinema ha saputo immortalare figure indimenticabili in questo senso.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco