Cinema, Franco Maresco in concorso a Venezia con “La mafia non è più quella di una volta” :ilSicilia.it

per la 76ma Mostra del Cinema

Cinema, Franco Maresco in concorso a Venezia con “La mafia non è più quella di una volta”

di
26 Luglio 2019

Sarà in concorso alla 76ma Mostra del Cinema di Venezia il nuovo film di Franco Maresco, “La mafia non è più quella di una volta”.

Un nuovo capitolo di quell’indagine antropologica su Palermo e la Sicilia, condotta da Maresco con la capacità di provocare che lo contraddistingue, e che non risparmierà risvolti grotteschi ed esilaranti” – così lo ha definito Alberto Barbera, direttore della Mostra, alla presentazione del film alla stampa.

Protagonisti de La mafia non è più quella di una volta, prodotto da Rean Mazzone per Ila Palma, sono la fotografa Letizia Battaglia e Ciccio Mira, l’impresario di cantanti neomelodici già protagonista di “Belluscone”.

La mafia non è più quella di una volta
La mafia non è più quella di una volta

La produzione cinematografica di Franco Maresco, autore attento, dallo sguardo discriminate, mai banale, ha sempre ricevuto il plauso della critica collocandosi nella nicchia di autori che meglio hanno saputo raccontare, fuori da cliché e visioni superficiali, la Sicilia, nella sua essenza e come metafora dell’Italia tutta.

La mafia non è più quella di una volta, cofinanziato dall’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana attraverso la Sicilia Film Commission, nell’ambito del progetto Sensi contemporanei, è stato pensato nel 2017 quando, a venticinque anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, sotto l’impulso di un lavoro dedicato a Letizia Battaglia, fotografa storica a cui si devono i primi scatti che hanno immortalato le guerre di mafia, Maresco ha deciso di affiancarla, per la sua narrazione, ad un “personaggio che è stato al di là della barricata“, Ciccio Mira che, nell’intento di un riscatto umano e professionale, organizza allo Zen, quartiere di Palermo, l’evento “I neomelodici per Falcone e Borsellino“.

La notizia della partecipazione a Venezia è stata accolta con entusiasmo anche dal neo assessore al Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana Manlio Messina: “È una conferma della validità delle azioni svolte a sostegno della filiera dell’audiovisivo in Sicilia. La presenza a Venezia del film di Maresco è dunque una preziosa ulteriore occasione per ribadire il ruolo dell’audiovisivo come importante motore di sviluppo culturale ed economico e la sua centralità per la promozione del territorio siciliano“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.