Cinema: il corto "Il Francesco di Palermo" vince al Foggia Film Festival | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

PREMIATO COME MIGLIOR FILM

Cinema: il corto “Il Francesco di Palermo” vince al Foggia Film Festival | VIDEO

2 Dicembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

All’interno della nona edizione del Foggia Film Festival, che si è tenuta dal 24 al 30 novembre, Antonio Turco si è aggiudicato il premio come miglior film, nella sezione University Awards, con il corto Il Francesco di Palermo.

Per la straordinaria focalità e la completezza narrativa che il film centra e per le tematiche difficili, umane e attuali, che il film riesce a raccontare con grande sensibilità e coinvolgimento emotivo”.

Il regista, studente ventiduenne di Mistretta, studia reportage audiovisivo presso il Centro Sperimentale di Cinematografia.

Varie riflessioni e creatività artistica hanno portato il giovane autore a realizzare un film sulla missione “Speranza e Carità” di Biagio Conte a Palermo.

IL FILM

Il protagonista del film è lo stesso fondatore e missionario laico che ha costituito la comunità nel 1991, partendo dalla stazione centrale di Palermo.

Dopo vari digiuni gli sono stati affidati vari locali quali l’ex disinfettatoio comunale, in via Archirafi, o l’ex caserma dell’aeronautica militare, in via dei Decollati.

La struttura oggi ospita più di mille persone provenienti da varie nazioni.

Il film racchiude la vita quotidiana all’interno della comunità.

Al centro dell’opera quattro storie di rinascita in cui parte dei protagonisti, apprendendo un mestiere, ne hanno creato la propria professione e autonomia.

I PROTAGONISTI

Francois, giovane africano cinquantenne, dopo aver conosciuto Ester in missione ha deciso di aprire insieme a lei una propria sartoria nel centro storico di Palermo.

Adesso lui dedica parte della giornata a insegnare questo mestiere ad altri ragazzi immigrati.

Non vogliamo pesare su questo paese che già ci ospita – racconta la signora davanti alle telecamere di Antonio – così, a nostra volta, abbiamo deciso di aprire le porte a tutti quelli che vogliono imparare questo mestiere”.

Paolo, ragazzo nigeriano, dedica parte della giornata presso il laboratorio di panetteria.

Egli, oltre ad avere una forte passione per l’arte fornaia, ha frequentato una scuola di specializzazione ottenendo
una certificazione per entrare nel mondo del lavoro.

Il giovane ogni mattina si sveglia alle 3 per impastare e infornare chili e chili di pane, utili per l’intera missione.

La normale quotidianità viene tramutata in un’atmosfera di attesa, di preparazione – racconta il regista – dopo che viene accolta la notizia di un’inaspettata visita da parte del papa”.

Papa Francesco nella sua visita pastorale del 15 settembre 2018 a Palermo, ha deciso di condividere il momento del pranzo con gli accolti della missione “Speranza e carità”.

Quando arriva Papa Francesco nella Missione , Biagio è quasi incredulo di ciò che sta avvenendo e, senza perder tempo, lo abbraccia.

Dopo aver salutato tutte le persone presenti, il Santo Padre prende posto nella lunga tavolata preparata per l’occasione.

L’immagine ricorda l’ultima cena di Leonardo, anche se gli accolti sono ben più di dodici.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.