Cinema in cucina: arriva Agrigento Cooking Show per rilanciare il territorio :ilSicilia.it
Agrigento

l'evento

Cinema in cucina: arriva Agrigento Cooking Show per rilanciare il territorio

di
3 Giugno 2021

Durante questo periodo di pandemia uno dei settori più colpiti è stato sicuramente quello della ristorazione che, tra zona gialla ed arancione, ha visto più volte l’apertura e chiusura di locali che per quasi due anni hanno visto le saracinesche abbassate ed i tavoli vuoti. Un senso di tristezza e solitudine che ha colpito il mondo intero ma che ha dato una forza interiore maggiore per ripartire più forti di prima.

Proprio per rilanciare la ripartenza e la riapertura delle attività nasce Agrigento Cooking Show, un contest online con una finale dal vivo creato dal videomaker Marco Gallo che coinvolge il mondo della comunicazione, quello dei fotografi, videomaker e ristoratori. Il progetto, promosso dal Comune di Agrigento e dall’Assessorato al Turismo e Spettacolo della Regione Sicilia, fa parte della rassegna “Cortili: arte e gusto”, nata con l’obiettivo di rilanciare il centro storico di Agrigento. Sono dodici i videomaker che si sono affiancati ad altrettanti ristoranti ed hanno raccontato un piatto tipico siciliano in un video della durata massima di tre minuti che verranno pubblicati sui social di giorno in giorno. I primi tre video più votati accedono alla finale dal vivo che si terrà martedì 22 giugno alle ore 21 all’interno dell’atrio dell’Ex Collegio dei Filippini con un cooking show che sancirà il miglior piatto tipico siciliano di Agrigento. Ci saranno due giurie e due premi in palio, il primo da mille euro per il miglior ristoratore ma con la particolarità che vincerà i mille euro anche il videomaker che lo ha portato in finale. Un secondo premio verrà indetto da una seconda giuria che decreterà la migliore storia di tutto il contest: 500 euro al miglior ristorante e 500 al miglior videomaker. Tutti i ristoranti e tutti i videomaker fino alla fine avranno l’opportunità di vincere almeno un premio.  I videomaker che hanno sposato il progetto di questa prima edizione sono: Rosario Bevilacqua, Carmelo Lucera e Roberta Tortorici, Alex Di Francesco, Alessandro Tondo, Lillo Arcieri, Luigi Bellavia, Stefano Buccheri, Francesco Montefusco, Simone Cusumano, Sonia Presti, Mauro Posante e Luigi Bellavia.

A presentare l’evento sarà la “Iena” Silvio Schembri e durante la serata tutti i video verranno proiettati. Il direttore artistico Marco Gallo commenta il lancio di questa prima edizione: “Sono davvero molto contento di come ristoratori e videomaker abbiano sposato questo progetto, la voglia di ripartire è tanta e questo progetto era nato prima di Natale, nel momento peggiore di questo paese, proprio per dare un segnale forte. I nostri mezzi, la comunicazione, sono fondamentali per una ripartenza turistica ed economica ed io ho voluto valorizzare e mettere in luce la loro professionalità e sostenere i ristoratori. Questo progetto non è solo un contest ma un vero e proprio volano per la promozione del territorio sia in ambito enogastronomico che turistico. Agrigento Cooking Show è la dimostrazione che insieme e coesi si possono ottenere risultati straordinari”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin