Cinema: intervista doppia al regista siciliano Michele Li Volsi e all'attrice Milena Gori :ilSicilia.it

Cinema: intervista doppia al regista siciliano Michele Li Volsi e all’attrice Milena Gori

di
15 Dicembre 2019

Milena Gori e Michele Li Volsi ci raccontano il corto “La forza di Alice” candidato al David di Donatello 2020.

Nel 2019 con “Addio clochard” il regista siciliano Michele Li Volsi ha vinto il premio “Rai cinema channel” al festival “Tulipani di seta nera” che lo ha reso famoso nel panorama dei più interessanti artisti e cineasti della settima arte italiana. Il suo nuovo cortometraggio, La forza di Alice”, del quale parleremo in questa chiacchierata con Michele e con una delle attrici protagoniste, Milena Gori, è ispirato ad una storia vera siciliana e tratta tematiche sociali ed umane delicate e molto difficili da maneggiare artisticamente: la violenza sulle donne, il pregiudizio, lo stupro, la procreazione assistita. Questa nuova produzione ha già vinto diversi premi, dei quali parleremo, ed è candidata per il 2020 al prestigioso David di Donatello per il miglior cortometraggio. Ma eccoci con i nostri ospiti…

 

ADDIO_CLOCHARD_Locandina 01Ciao Milena, benvenuta e grazie per aver accettato il nostro invito.

Milena: Ciao Andrea, e un saluto a tutti voi lettori del magazine, è un piacere essere qui.

Ciao Michele, benvenuto, come stai?

Michele: Bene grazie!

Intanto vi chiedo di presentarvi ai nostri lettori che non dovessero conoscervi. Chi è Milena Gori e chi è Michele Li Volsi nel mondo italiano e internazionale della settima arte?

Milena: Sono nata a Sezze, un paese della provincia di Latina il 23 ottobre 1982. Ho iniziato con la fotografia sfilando come modella per abiti da sposa durante le fiere Expo. Tuttavia sentivo il bisogno di cambiare, così mi sono recata agli studi di Cinecittà per rispondere a un annuncio per un lavoro di tipo amministrativo. Avendo una fortissima passione per il cinema e predisposizione al mondo della recitazione ho avuto modo di conoscere Giorgio Tonti, il grande maestro, attore e direttore della fotografia, che ebbe una grande svolta nella sua vita lavorativa grazie alla collaborazione nel cinema con il grande Totò. Egli collaborò con Totò in una decina dei suoi film e spesso mi raccontava di come il grande attore fosse una persona affabile e molto umana. Durante questo periodo mi venne dato modo di conoscere il mondo del cinema da dietro le quinte, studiando e lavorando come segretaria di edizione e assistente alla regia. Contemporaneamente a questo proseguì il mio lavoro da modella conciliando posa ed espressività, lavorai a dei progetti fotografici collaborando con professionisti di grande rilievo, progetti che sono stati oggetto di importanti mostre fotografiche e pubblicati in diversi magazine. Tra questi cito, ad esempio, il “The Clown” oggetto di mostra di livello nazionale a Salerno presso Palazzo Fruscione, oppure il progetto intitolato “Ipocondria” pubblicato sulla rivista internazionale “Image Mag”. Nel frattempo, la forte predisposizione alla recitazione mi ha spinto a seguire un percorso presso l’Accademia Menandro di Roma durato quattro anni. È stato a seguito della conclusione di questo percorso, come accennavo prima, che sono stata chiamata a condurre insieme a Roberto Giacobbo il Kalat Nissa Film festival internazionale del cortometraggio 2019 e successivamente a interpretare il mio primo importante ruolo ne “La Forza di Alice”. A seguito di questa svolta sto per essere impegnata anche in progetti legati allo spettacolo e alla TV.

Michele: Sono semplicemente uno che ama raccontare storie ed anche interpretarle, quando può.

Michele, ci racconti qualcosa della tua carriera artistica? Come hai iniziato, qual è stato il tuo percorso artistico-professione, quali i film che hai realizzato?

Michele: Ho avuto sempre l’amore per il cinema fin da piccolo, poi crescendo nonostante le varie difficoltà che la vita mi ha posto dinanzi sono riuscito ad interpretare piccoli ruoli cinematografici, ho frequentato la Scuola Divento a Palermo per due anni, ho fatto il corso di doppiaggio e recitazione con Francesco Cavuoto e l’Accademia Teatron (accademia professionisti spettacolo) con Pino Insegno e Vito Caporale. Ho realizzato il primo cortometraggio nel 2016/2017 (God’s forgiveness) vincitore come migliore storia al festival Corto corto mon amour di Cinisi (PA), 2017/2018 (Il professore e la Ballerina) con il quale in Spagna a Marbella ho vinto il premio regia, nel 2019 Addio Clochard vincitore del premio Rai cinema channel al festival Tulipani di seta nera ed in finale a Los Angeles. Infine La Forza di Alice anno 2019 in concorsi al Davide di Donatello, Berlin festival, Tulipani di seta nera, Globo d’oro, Film Festival della Lessinia, Festival de Cannes, Cortinametraggio.

Chi sono stati i tuoi maestri, quelli che vuoi ricordare in questa chiacchierata, che ti hanno forgiato artisticamente e nei quali ti riconosci nelle produzioni che realizzi e nella tua arte?

Michele: Pino Insegno, Francesco Cavuoto, Vito Caporale, Giorgio Albertazzi, Dario Fo, Franco Mannella, Patrizia de Santis, Giancarlo Giannini, Fioretta Mari, Michele Placido, Alessandro Quarta.

Milena, tu sei una delle protagoniste del cortometraggio “La forza di Alice”. Ci racconti un po’ della tua carriera artistica e come sei arrivata a questa produzione cinematografica che promette benissimo?

Cover La forza di AliceMilena: Ho avuto la fortuna di conoscere Michele proprio al Kalat Nissa Film Festival, dove lì ricevette il premio “Laboratorio dei sogni” per il film “Addio Clochard”. La mia carriera artistica è stata caratterizzata dal mio lavoro di artista visiva in performance fotografica, che mi ha permesso di essere contattata dall’organizzazione siciliana del Kalat Nissa Film Festival, svoltosi per la prima volta ad Agordo nel luglio del 2019. Fu lì che appunto conobbi il regista e mi si aprirono le porte del cinema.

Chi sono stati i tuoi maestri e chi i modelli, le star del cinema, ai quali ti ispiri?

Milena: Per il mio percorso lavorativo e professionale devo ringraziare innanzitutto Giorgio Tonti, direttore alla fotografia e regista, la mia formazione e la mia forte passione per il cinema la devo innanzitutto a lui; un altro grande maestro a cui devo tanto è Emilio Conciatori, famoso pittore e promotore dell’arte del body painting, purtroppo scomparso da qualche anno, grazie a lui la mia tecnica espressiva e la mia arte in posa si è potuta perfezionare; infine Mino Sferra, regista, attore, direttore dell’Accademia teatrale “Menandro” che mi ha formato a livello di recitazione.

Qual è stato il tuo ruolo ne “La forza di Alice”? Come hai vissuto artisticamente questa parte e quale le emozioni e il pathos che hai voluto trasmettere allo spettatore con la tua interpretazione?

Milena Gori
Milena Gori

Milena: Nel film io interpreto Andrea, il personaggio più “forte” e coraggioso all’ interno di una coppia e che riesce a gestire con grande capacità da un lato il suo ruolo professionale (rappresentato un lavoro pieno di responsabilità), e dall’altro il suo rapporto sentimentale dando forza alla persona che ama. Nel corso della storia però si troverà a dover confrontarsi con i propri errori, situazioni inaspettate che purtroppo possono caratterizzare le nostre vite e che a volte risultano irrisolvibili. Non è stato semplice entrare in questo personaggio, perché in gran parte non mi appartiene. Soprattutto esso richiedeva una esperienza del ruolo, che io non avrei mai potuto avere (e poi capirete il perché…) pertanto ho dovuto studiare e soprattutto conoscere persone reali che avessero le sue caratteristiche. Entrare ed uscire da questo personaggio comportava un apparente squilibrio con me stessa, che poi grazie alla capacità del regista e della produzione abbiamo superato insieme e Michele in questo è stato eccellente a guidarmi. Ho cercato di trasmettere le emozioni di una persona apparentemente perfetta, ma che in realtà cade in diversi errori da cui scaturiranno delle conseguenze e facendo emergere anche in lei le proprie fragilità e permettendo così allo spettatore di scoprirla interamente nel profondo del proprio animo.

Michele, ci racconti come è nato “La forza di Alice”? Quale l’idea di base che ti ha portato a realizzare questo film e quale il messaggio che vuoi arrivi allo spettatore?

Michele Li Volsi
Michele Li Volsi

Michele: Dall’idea di realizzare un video clip di Maurizio Tommasini e dalle storie vere raccontatemi da donne. Insieme anche con Claudia Gallo abbiamo unito le idee e ne abbiamo creato un’unica sceneggiatura. Il messaggio che il corto lancia è quello ancora una volta di dire basta alla violenza sulle donne, di accettare l’amore in ogni sua forma ma soprattutto di dire alle donne che possono farcela perché sono loro le depositare del vero amore quello materno e anche se vengono piegate dalle vita possono rialzarsi e farcela ad amare ancora per potere cambiare il mondo.

Chi ha collaborato alla produzione e alla realizzazione del film? Vuoi raccontarci qualcosa del tuo gruppo di lavoro, dei produttori e di tutti colori che hanno fin dall’inizio creduto in questo progetto e lo hanno reso possibile?

Michele: Claudia Gallo, Maurizio Tommasini, Angela Lo Iacono, Davide Samperi, Dionisio Apandro, Antonio Scarcella, Lo Meo Giuseppe, Milena Bianca Gori, Mauro Massimiliano Calandra, Maria Luce Pittalis, Angelo Russo, Guia Jelo, Coppola Sebastiano, Marilena Piu, Angela Grignano, Lo Cacciato Loredana , Marcello Randazzo, Manzo Paolo, Salvo Giacalone, Tommaso Bonnici, Vultaggio, Russo, Frank, Salvo Marchese, il Comune di Valderice.

Dove e quando i nostri lettore potranno vedere il tuo film?

Il trailer su YouTube ed il corto per il momento solo ai festival. Dopo i festival verrà proiettato a Valderice (Trapani), nel luogo dove è stato realizzato.

Abbiamo ricordato nell’introduzione che hai vinto tantissimi premi cinematografici nazionali e internazionali. Vuoi raccontarci qualcosa in proposito? Quanti e quali i premi vinti?

Michele: Premio Rai cinema Channel 2019 al Festival Tulipani di Seta nera, premio come migliore regia a Marbella (Spagna), premio come migliore storia e migliore fotografia con Addio Clochard al Corto corto mon amour di Cinisi (PA) ecc..

«L’essenza della forma drammatica è lasciare che l’idea arrivi allo spettatore senza essere formulata con troppa nettezza. Una cosa detta in modo diretto non ha la stessa forza di ciò che le persone sono costrette a scoprire da sole.» (tratto da “Il più grande azzardo di Kubrick: Barry Lyndon”, di Marta Duffy e Richard Schickel, pubblicato su Time, 15 dicembre 1975). Cosa pensate di questa frase di Kubrick? È davvero così che bisogna fare nel cinema contemporaneo secondo voi?

Milena Gori
Milena Gori

Milena: Kubrick in questa frase vuole intendere che la piena drammaticità di una scena e di conseguenza di un ruolo che l’attore può interpretare non andrebbe espressa nella sua interezza, bensì è opportuno lasciar allo spettatore un alone di suspence; in questo, chi interpreta dovrebbe essere in grado di farlo, che si tratti di teatro che di cinema. Io, personalmente, adopero il metodo Stanislavskij dove tutto si fonda sull’approfondimento della psiche del personaggio e su una sua dettagliata ricerca tra mondo interiore del personaggio e quello dell’attore. Provo a esternare le emozioni interiori, drammatiche, rielaborandole a livello intimo e, ove ciò non sia sufficiente, si lavora con l’immaginazione creando nella mente delle scene che se vissute nella vita reale mi distruggerebbero. In quegli istanti solo il regista può “guidarti” e consigliarti l’intensità del dramma che va comunicato.

Michele: La forma drammatica va formulata in maniera netta.

Chi sono secondo voi tre registi da studiare e tre film da vedere assolutamente che gli amanti della settima arte non possono non conoscere? Vi va di segnalarli ai nostri lettori e dire loro quali sono i motivi di questa vostra scelta artistica?

Milena: Il primo che citerei è il grande Vittorio De Sica e il film che consiglierei è il classico del 1960 “La Ciociara”, film ambientato nel corso del secondo conflitto mondiale dove la protagonista si troverà a dover affrontare e cercare di superare insieme alla figlia non solo il contesto traumatico della guerra, ma anche un episodio violento e scioccante che le segnerà per sempre. Poi cito Gabriele Muccino, uno dei registi che amo di più. Il film che consiglierei è “Come te nessuno mai” del 1999 dove vengono messe in risalto da un lato le fragilità dell’età adolescenziale dei personaggi tra cui il protagonista Silvio Muccino, e dall’altra parte l’intenzione di emulare i rispettivi padri di famiglia che hanno vissuto il periodo del 1968 e lottato per una causa e un ideale partecipando a un importante evento come l’occupazione scolastica per protestare contro il sistema scolastico. Il tutto viene fatto in una cornice di linguaggio umile, alla portata di tutti. Per ultimo, ma non per importanza, il grande Stanley Kubrick e un film a cui sono particolarmente legata, il classico capolavoro “2001 Odissea nello spazio”; innanzitutto perché ho avuto l’onore di lavorare come modella in posa con il pittore italiano che ha creato la locandina del film stesso Emilio Conciatori, poi per il messaggio che una pellicola di fantascienza del 1968 può trasmettere: in un futuro imprecisato Kubrick affronta con le vicende del protagonista varie tematiche di rilievo, lo sviluppo della natura umana e il destino di un uomo costantemente alla ricerca di sé stesso e della definizione del suo ruolo. Un capolavoro del cinema che ha ricevuto innumerevoli premi e a cui resto particolarmente legata.

Michele: Giuseppe Tornatore (Nuovo Cinema Paradiso) perché mi sono ritrovato io in quel ragazzino interpretato da Cascio; Martin Scorsese (Quei bravi ragazzi) per l’interpretazione di De Niro che è la mia icona attoriale a cui mi ispiro; Quentin Tarantino (Bastardi senza gloria), perché ricordo le storie di guerra che mi raccontavano i miei nonni.

Nel gigantesco frontale del Teatro Massimo di Palermo c’è una grande scritta, voluta dall’allora potente Ministro di Grazia e Giustizia Camillo Finocchiaro Aprile del Regno di Vittorio Emanuele II di Savoia, che recita così: «L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire». Cosa ne pensate di questa frase? Davvero l’arte e la bellezza servono a qualcosa in questa nostra società contemporanea tecnologica e social? E se sì, a cosa serve oggi l’arte e in particolare l’arte cinematografica secondo voi?

Milena: L’Arte, nel suo significato più ampio riguarda ogni attività umana, svolta singolarmente o nella collettività, che conduce alla creatività ed espressione estetica di qualcosa di unico o comunque particolare. Spesso poggia su abilità innate o acquisite a seguito di uno studio o di una esperienza. L’arte è il linguaggio in assoluto più importante nella vita umana da sempre, perché trasmette emozioni e messaggi solo tramite l’espressività. Essa non ha epoche esiste da sempre, ovviamente subendo poi nel tempo graduali trasformazioni e forme. Già gli antichi greci si servivano del teatro (commedie e tragedie), della musica, dell’architettura, della letteratura; e così nel corso dei secoli fino allo stile moderno che ha coinvolto tutti dandoci modo di viverla direttamente. A parer mio l’arte è letteratura, poesia, recitazione, scultura, pittura, danza, cucina…tutto ciò che è creatività. Credo proprio che senza l’arte non si possa vivere, io stessa non sopravviverei senza la mia arte. Essa è l’ossigeno che ti tiene in vita nel campo artistico e io questo lo vivo nel cinema, che è la carriera che più di tutte vorrei intraprendere.

Michele: L’arte e la bellezza addolciscono gli animi. L’arte cinematografica interpreta la nostra fantasia, le nostre paure, i nostri desideri e la nostra realtà.

Come volete concludere questa breve chiacchierata? Come volete lasciare i nostri lettori e soprattutto dove potranno seguirvi?

Milena: Innanzitutto ringrazio il magazine e te, Andrea, per avermi dato la possibilità di far conoscere il mio percorso artistico pregresso e attuale. Vi invito a seguirmi nei miei futuri progetti artistici e attraverso i miei canali Facebook e Instagram. Inoltre sto provvedendo a comporre entro quest’anno il mio showreel professionale cinematografico insieme alla collaborazione di una nota regia italoamericana. Ritornando a “La Forza di Alice” incrociamo tutti le dita affinché possa vincere il premio di miglior corto al prossimo David di Donatello 2020!

Michele: Mi possono seguire sui social (Facebook ed Instagram). Nella vita bisogna credere fortemente in ciò che si ama, nei propri sogni e lottare perché questi si realizzino.

 

Milena Gori

https://www.facebook.com/profile.php?id=100012826991796

 

Michele Li Volsi

https://www.facebook.com/MICHELE.ATTORE/

https://www.imdb.com/name/nm11135116/

 

Andrea Giostra

https://www.facebook.com/andreagiostrafilm/

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.