Cinema | Li Donni vince al Soleluna raccontando i ragazzi di quartiere :ilSicilia.it
Palermo

Primo vincitore palermitano in 15 edizioni

Cinema | Li Donni vince al Soleluna raccontando i ragazzi di quartiere

di
13 Luglio 2020

Il ‘capitale umano’, quello più genuino, su cui lavorare per costruire il futuro, lo portano i ragazzini. In particolare quelli che vivono nei quartieri che condensano i problemi di una intera città, le aree urbane che si è abituati a riconoscere attraverso la lente della cronaca, nera o giudiziaria. Scenari che rappresentano solo una parte emersa: sotto, c’è il magma del conflitto tra la legge dello stato e la legge, appunto, del rione: dove la possibilità di sognare contrasta con la necessità di diventare adulti troppo in fretta. È su questo spaccato che si concentra “La nostra strada”, il film documentario di Piero Li Donni, vincitore del premio per il miglior film al Soleluna Doc Film Festival. Primo palermitano a aggiudicarselo in 15 edizioni di questa manifestazione, svoltasi ancora una volta tra il giardino e la navata a cielo aperto della Chiesa dello Spasimo, che quest’anno ha offerto in sette serate, sia in presenza che online, 40 proiezioni, 25 film in concorso tra lungometraggi e corti, 16 première e altre importanti novità, come la sezione “Sicilia Doc”; e che, soprattutto, ha avuto proprio in “Giovani” e “Archivi” i filoni narrativi delle opere in concorso.

Un racconto, quello del film documentario di Li Donni, che – così ha motivato la giuria – “è insieme individuale e corale, per la semplicità della forma linguistica che sperimenta”.

Ho voluto raccontare Palermo attraverso una delle sue aree difficili, la Zisa, fissando la telecamera sul percorso di crescita di tre ragazzini, Desireè, Daniel e Simone – spiega l’autore – L’ho fatto per ben 3 anni, seguendone tutti i cambiamenti significativi”. Operazione faticosa, per la quale Li Donni ha anche dovuto relazionarsi con il loro ambiente scolastico.

Insieme alla ricchezza umana dei giovani protagonisti, nel film-documentario di Li Donni emerge il ruolo della scuola nelle realtà meno agiate e il fenomeno dell’abbadono scolastico. Ma, soprattutto – aggiunge  – ‘risalta un valore ancora più profondo: la forza delle relazioni umane e l’importanza di non essere mai soli, a prescindere dalle scelte che si compiono”.

Questo film, “prova a ridare dignità a tutte le persone che molto spesso non vengono valorizzate e non vengono considerate. E’ il racconto dell’umanità di una città che si arrangia”.   

Il percorso formativo di Piero Li Donni passa dagli studi universitari in Storia contemporanea e da quelli alla Cineteca di Bologna. Dopo aver fatto scuola di bottega per tanti anni a Roma, è infine riapprodato nel capoluogo siciliano, dove adesso lavora alla scuola di cinema presso il Centro Sperimentale di Cinematografia.

Un siciliano di ritorno: “convintissimo, perché a Palermo è possibile produrre cinema, gira tanta energia creativa, ma è indispensabile fare filiera. E per questo occorrono gli investimenti, che finora sono mancati”. Messaggio inequivocabile.  

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.