Cinema, Siviglia (UECI Sicilia): "Provvedimento del governo colpo mortale per le sale" :ilSicilia.it

il fatto

Cinema, Siviglia (UECI Sicilia): “Provvedimento del governo colpo mortale per le sale”

di
26 Dicembre 2021

Riceviamo e pubblichiamo di seguito la nota dell’IUeci Sicilia (Unione Esercenti Cinematografici Italiani), presieduta da Eugenio Siviglia 

Gli ultimi provvedimenti del Governo relativi alle sale cinematografiche hanno dato un colpo mortale a queste attività in un momento di delicata ripresa.

Eugenio Siviglia, – presidente regionale UECI (Unione Esercenti Cinematografici Italiani) – dichiara che tale provvedimento risulta insensato ed immotivato.

È stato infatti più volte ribadito e dimostrato che i cinema si sono rivelati tra i luoghi più organizzati e sicuri nel contesto dell’epidemia data da Covid-19 in Italia, con un numero di contagi pari quasi allo zero rispetto a molte altre attività.

Ancora una volta i cinema vengono penalizzati dalle decisioni prese dal Governo, che neppure si presta ad un dialogo con le associazioni di categoria.

Con quale criterio e con quali spiegazioni scientifiche è stata proibita la vendita di cibo e bevande all’interno dei cinema?

Dobbiamo allora chiederci perché altre attività come bar, ristoranti e pub continuano giustamente ad operare con consumazioni all’interno senza essere penalizzate.

Abbiamo dimostrato zero contagi nei cinema italiani; abbiamo ridotto la capienza dei locali al 50%; abbiamo garantito un valido sistema di continuo riciclo dell’aria (di cui tutti i cinema sono dotati obbligatoriamente) ed abbiamo inserito l’obbligo di indossare la mascherina tanto che – da un giorno all’altro – ci è stato finalmente concesso di ospitare il 100% di spettatori all’interno delle sale.

Proprio quando ci apprestiamo a fare scorte di cibo e bevande per tutto il periodo natalizio arriva il disastro non annunciato dal Governo.

Il risultato? Incassi al -73% e milioni di euro di cibo e bevande che saranno buttate via.

Per non parlare del personale dei bar, che rischia inevitabilmente il licenziamento.

L’UECI chiede dunque di rivedere questo scelerato provvedimento il più velocemente possibile, per cercare di salvare il salvabile.

Come associazione, ci permettiamo di suggerire che andrebbe pur bene l’obbligo di indossare la mascherina di tipo FFP2, l’obbligo di possesso del Super Green Pass ed al massimo una capienza del -30% all’interno delle sale, in modo tale da creare un minimo di distanziamento.

Chiediamo però di eliminare al più presto il provvedimento relativo alla consumazione di cibo e di bevande, proprio per gli incredibili danni, – a parer nostro immotivati – che quest’ultimo porta con sé.

Senza un giusto provvedimento conteremo tantissime imprese che saranno costrette a chiudere i battenti, perché non avranno più la forza economica per risollevarsi dalle pesanti conseguenze di questa pandemia.

Se continuiamo in questo modo, l’unico risultato che otterrà il Governo sarà quello di ritrovarsi davanti a una lunghissima lista di licenziamenti e di partite IVA che chiudono.

Vi chiediamo: è davvero questo lo scempio a cui volete assistere?

UECI vi grida di far presto a rivedere la normativa, perché domani potrebbe comunque essere troppo tardi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.