Cinema, Virzì (Ugl Sicilia): "Aperture per step no stop and go" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

La dichiarazione

Cinema, Virzì (Ugl Sicilia): “Aperture per step no stop and go”

di
19 Aprile 2021

E’ aperta la questione sulla riaperture delle sale cinematografiche. In una nota il commento di Filippo Virzì, Segretario regionale dell’Ugl Creativi Sicilia.

“La sorpresa non felice delle aperture in Italia dei cinema ci fa riflettere, in Inghilterra dove le vaccinazioni sono avanti, stanno
riaprendo per step facendo una verifica diciamo settimanale di tutta la situazione, tra l’altro avendo vaccinato più di un terzo della
popolazione e dove la situazione è decisamente più serena”.

“Da noi ci sono ancora 16.000 contagi giornalieri e un’esagerazione di morti e allora mi domando perché aprire tutto in un colpo solo”.

Perché non stabilire le riaperture in base alla campagna vaccinale – spiega Virzì – man mano che questa aumenta aprire le varie attività, per non andare a creare nuovi stop che sono deleteri soprattutto per attività come quella dei gestori delle sale cinematografiche le quali debbono organizzare nel tempo la riapertura e non possono più permettersi di chiudere nuovamente, la cultura e il cinema hanno bisogno di serenità per essere godute”.

“Il Ministro alla Cultura Franceschini riapre e se la situazione Covid peggiora di un minimo richiude dopo 15 giorni senza pensarci due volte, sarebbe la morte del cinema – aggiunge Virzì- Necessitano le giuste garanzie per le riaperture graduali in sicurezza senza lo stop and go e che il Governo abbia chiaro come un Crono Programma deciso e delineata sia indispensabile per non tornare più indietro e goderci di nuovo il grande cinema in sala”.

Per Davide Fontana Presidente Ueci – Unione Esercenti Cinematografici Italiani Roma Capitale: “Ci vorrà sicuramente qualche settimana in più pertanto servirà avviare una fase di rodaggio, auspicabilmente da metà maggio”.

E’ utile una immediata calendarizzazione di un tavolo interministeriale che su parametri prestabiliti, imposti i modelli graduali di ripartenza del settore, per dare una visione prospettica e una concreta agibilità  imprenditoriale. Tutto in un quadro più chiaro e deciso per le riaperture dei Cinema che come è sempre stato detto e ribadito deve tornare ad una Programmazione importante e poderosa”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco