Cinema: weekend finale per il "Sole Luna festival", sabato gli ultimi film in gara e domenica i vincitori | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Attesa per le ultime opere in concorso e per la premiazione

Cinema: weekend finale per il “Sole Luna festival”, sabato gli ultimi film in gara e domenica i vincitori

di
7 Luglio 2017

Rush finale per la dodicesima edizione del “Sole Luna Doc Film Festival”, il festival internazionale di documentari in corso aPalermo, nel complesso monumentale di Santa Maria dello Spasimo.

Un ricco fine settimana è alle porte, con gli ultimi film in gara nella giornata di sabato 8 luglio e con la proclamazione delle opere vincitrici domenica 9 luglio. L’ingresso a tutti gli appuntamenti è libero.

Il programma di sabato 8 luglio incomincia alle 19, con l’incontro “Palermo capitale dei giovani 2017. Un bilancio in prospettiva”: incontro con Rete paworking, Arci Palermo, Orto capovolto, Push, Pyc&Giosef. Lo scopo primario dell’iniziativa è la promozione di idee e di progetti innovativi, con l’obiettivo di garantire ai giovani un ruolo da protagonisti all’interno della società.

Alle 21 nella navata centrale spazio ai film in concorso con la proiezione del film Tedesco Brother Jakob, di Eli Roland Sachs (versione originale sottotitolata. Jakob ha avuto la sua epifania sui monti marocchini dove si è imbattuto in un’edizione inglese del Corano e si è convertito all’Islam.Quella giornata ha cambiato profondamente il suo rapporto con la famiglia, i parenti e gli amici, ma soprattutto con il fratello, regista di questo filmmolto personale su un’esperienza di straniamento. Per due anni egli ha seguito lo sviluppo di Jakob nel suo processo di radicalizzazione sino a considerarsi salafita. Il suo atteggiamento è diventato dottrinario. Credere ha finito con il significare non avere dubbi. Trailerhttps://vimeo.com/195807686

A seguire, sarà la volta dell’opera Georgiana See you in Chechnya, di Alexander Kvatashidze (v.o. sott. in inglese e italiano). Un incontro casuale conuna fotografa di guerra straniera porta Alex in Cecenia durante la guerra. Dopo questa esperienza, si rende conto che vuole diventare anche lui unfotografo di guerra, ma non ci riesce. Questo porterà Alex, per 15 anni, alla ricerca di storie di persone che lavorano in prima linea, per capire le lorovere motivazioni e per vedere cosa la guerra ha provocato in loro. Ci vorranno 15 anni affinché Alex riconsideri le sue aspirazioni e si renda conto cheil suo posto è da qualche altra parte, lontano dalla guerra. Trailer: https://vimeo.com/152294397

Sempre alle 21, nel giardino, per il ciclo “Art in doc”, andrà in onda il film fuori concorso Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose, di Elia Romanelli, alla presenza del regista. Un documentario nato da una serie di visite a Tobia Scarpa; visite mattutine, visite pomeridiane, visite come sibevesse un tè ma con due telecamere, un cavalletto e un po’ di luci. Cinque incontri in tre anni. Azioni quotidiane: leggere, guidare, fare di un foglio unaeroplanino di carta. Poi, dal quotidiano allo straordinario: assistere alla genesi degli oggetti, vedere quel processo che da qualche parola e qualche trattodi lapis su di un foglio, porta a qualche cosa di inedito, qualche cosa che entrerà nel mondo delle cose concrete, toccabili. Sullo sfondo,un’improvvisazione musicale: con dei bambù del suo giardino, del metallo di risulta, un po’ di corda, Tobia Scarpa da vita ad un concerto minimo.Qualche suono per spiegarsi meglio.

Trailer https://www.youtube.com/watch?v=fSlAy_7Hpes

Quindi, spazio ai film in concorso, con l’opera italo-svizzera Alain Daniélou, la via del labirinto, di Riccardo Biadene. La straordinaria vita dell’uomo che portò l’India in Occidente. Un avventuroso viaggio musicale che, partendo dalla Bretagna attraverso l’India (Shantiniketan, Varanasi,Khajuraho, Bhubaneshwar, Chennai, Pondicherry), Berlino, Venezia e Roma, segue la storia del francese Alain Daniélou, indologo e musicologovissuto in India tra gli anni Trenta e Sessanta del Novecento. Nel 1963, tornato in Europa, fonda e dirige l’Istituto Internazionale di Musica Comparatadi Berlino, continuando le registrazioni per la collezione UNESCO.

A seguire, il film belga L’Eau sacrée, di Olivier Jourdain (versione originale sottotitolata). L’Eau Sacrée è un’ode rispettosa al piacere femminile inRuanda, con un senso dell’umorismo e senza alcuna traccia di imbarazzo. Guidati da Vestine, una stella stravagante delle notti radiofoniche, il filmscopre la sessualità ruandese alla ricerca dell’acqua che sgorga dal corpo femminile e rivela con umorismo e spontaneità il mistero dell’eiaculazionefemminile. Il documentario mette a confronto lo spettatore occidentale con la propria intimità e ci fa immergere in un Ruanda moderno riscoprendo ilsuo patrimonio nel modo più segreto: il piacere femminile. Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=qz1cT9EiNks

 

Domenica 9 luglio

Domenica 9 luglio è la giornata di chiusura del Festival. L’inizio alle 20, nel complesso monumentale di Santa Maria dello Spasimo, con un cocktail finale. Nella navata centrale, alle 20,30 via alla cerimonia di premiazione con la proclamazione delle opere vincitrici nelle varie sezioni e, a seguire, alle 21,30, la proiezione del film vincitore della XII edizione del “Sole Luna Doc Film Festival”. Dalle 23, infine, Dj fusion con Andrea Scimò.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.