Cinisi: sei giovani scrittori a lezione, ecco il libro "Scrivere di mafia" :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa di Navarra Editore col sostegno del Mibact e di Siae

Cinisi: sei giovani scrittori a lezione, ecco il libro “Scrivere di mafia”

di
16 Febbraio 2021

Circa un anno fa, dal 20 gennaio al 3 febbraio 2020, sei giovani scrittori, tutti under 35, provenienti da tutta Italia hanno trascorso quindici giorni a Cinisi per una ‘residenza letteraria‘ legata alla scrittura di impegno civile dal titolo “Scrivere di mafia” dove hanno avuto la possibilità di incontrare esperti di scrittura – dalla teatrale alla giornalistica, dalla narrativa alla sceneggiatura – che hanno dato loro un forte stimolo a realizzare un racconto che avesse come oggetto la criminalità organizzata.

Tra i docenti Claudio Fava, Giovanni Impastato, Marco Rizzo, Stefania Pellegrini, Alessandro Gallo, Annamaria Piccione, Antonio Lovascio, Gisella Modica, Alessandro Chiolo, Franco Nicastro, Gianmauro Costa e Ottavio Navarra.

Tra le testimonianze quella di Amico Dolci, Umberto Santino, Graziella Accetta (mamma di Claudio Domino), Luisa Impastato, Giovanni Paparcuri, Attilio Bolzoni e Accordino.

Da quell’esperienza – lanciata da Navarra Editore grazie al sostegno del Mibact e di Siae, nell’ambito dell’iniziativa “Per chi crea” (Bando 2 – Residenze artistiche) – nasce questa antologia dal titolo “Scrivere di mafia” in cui gli autori, con toni diversi e scegliendo modalità narrative proprie – dalla fantascienza al noir, dal monologo teatrale al racconto – si confrontano con la dura realtà della mafia.

I sei giovani vincitori del bando nazionale sono: Vincenzo Cascone (sceneggiatore di Napoli), Sophie Fiesoli (studentessa di Firenze), Davide Guarcello (giornalista di Palermo), Francesca Maruccia (giornalista di Lecce), Lorenzo Ongaro (sceneggiatore di Bardolino) e Giulia Zeno (freelance di Napoli).

Libro Scrivere di mafia, Navarra EditoreUN LIBRO, 6 RACCONTI

In particolare, Vincenzo Cascone sceglie la favola allegorica tra fantascienza e fantapolitica e vola fin sullo Zodiaco per raccontarci “La memoria del Porcospino”; Davide Guarcello, con “Servizi deviati. Una killer all’ombra delle stragi”, compone un noir in bilico tra realtà e finzione e riprende la “leggenda” della misteriosa killer donna che sarebbe stata dietro alcuni illustri omicidi nella Sicilia degli anni ’80 e ’90; Sophie Fiesoli si cimenta nella ricostruzione di uno spaccato di vita criminale nella zona portuale di “Livorno“; in “Il vicino” Francesca Maruccia immagina la quotidianità tipica di un latitante, tra ironia e casualità; Lorenzo Ongaro in “Matteo, la mafia e me”, un testo a metà tra il monologo comico e una strana seduta di terapia, sviscera le ossessioni di chi non chiude occhio pensando alle sorti di Matteo Messina Denaro; infine Giulia Zeno, in “Segni particolari: nessuno”, inscena un dramma familiare ambientato nella Sicilia di un prossimo ipotetico futuro, in cui la piccola di casa scopre un segreto che lascia senza fiato.

 

IL LIBRO È ACQUISTABILE QUI.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin