Circoli della Lega dei Meridionali. Demma espelle Albelice: “Nulle tutte le nomine in Sicilia e non usi il simbolo” :ilSicilia.it

La nota

Circoli della Lega dei Meridionali. Demma espelle Albelice: “Nulle tutte le nomine in Sicilia e non usi il simbolo”

di
3 Luglio 2020

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Piccolissimi e già spaccati. Del resto quando si raccolgono gli espulsi o in messi in quarantena, per usare un termine caro ai nostri giorni, dagli altri partiti, il rischio di avere dentro personaggi poco inclini a rispettare le direttive di un partito o movimento che sia, è davvero alto.

E’ così è già partita la battaglia legale all’interno dei Circoli della Lega dei Meridionali. In discussione viene messo addirittura quello che sembrava essere, almeno in Sicilia e nel Mezzogiorno, il leader del raggruppamento, Salvatore Albelice. E di conseguenza tutte le nomine operate da quest’ultimo, specialmente nell’Isola, sarebbero nulle. A partire da quella del coordinatore regionale Anna Zizzo, consigliere comunale a Bagheria (recentemente messa fuori dalla Lega), nomina operata giusto nelle scorse settimana dallo stesso Albelice, nel corso di un “direttivo centrale dei Circoli riunitosi a Bruxelles” recitava il comunicato di stampa diramato per annunciare la nomina della Zizzo da parte di Albelice.

Lo scorso 25 aprile è stata ufficialmente comunicata la necessità di un cambiamento con la nomina di un nuovo presidente e la ricollocazione corretta del movimento nel rispetto dei suoi principi statutari e della sua “mission ab origine” che ha implicato una scelta dovuta nel rispetto delle regole, del dialogo e della democrazia nella quale ogni azione non deve essere il risultato dell’arbitrio o degli interessi di uno solo o di pochi”. Questa la premessa nel comunicato stampa diramato dai Circoli della Lega dei Meridionali presieduti da Tiziana Demma, che in riferimento all’espulsione di Albelice aggiunge: “La necessità del predetto cambiamento ha determinato l’espulsione di uno dei nostri membri S.A. a causa dell’insanabile divergenza della linea intrapresa dallo stesso rispetto a quella statutaria del Movimento, e della violazione dei principi di lealtà, correttezza e trasparenza nei confronti di tutti i membri aderenti ai Circoli che tanto impegno hanno profuso per la nascita di questa iniziativa politica, aggravata poi dal persistere di azioni non condivise ed in contrasto con l’identità e l’idea politica che ha fatto nascere il movimento snaturandolo dalle sue stesse finalità”.

Nulle tutte le nomine in Sicilia. “Rimaniamo sgomenti – si legge ancora nella nota – nell’apprendere, da numerose segnalazioni e da alcuni comunicati stampa di recente pubblicazione, che è stato fatto un uso indebito del nome e del simbolo del movimento, ma ancora più grave è constatare che sono state assunte iniziative politiche collegate e/o collegabili per immagini e contenuti ai Circoli della Lega dei Meridionali, senza legittimazione alcuna ed in violazione di tutti quei principi statutari ed etici che dovrebbero ispirare ogni buona azione politica al servizio della comunità. Si evidenzia ancora che alcuni consiglieri comunali, già espulsi dalle loro formazioni politiche di appartenenza, hanno assecondato tale condotta a danno dei nostri Circoli e dei loro elettori tradendone la
fiducia: quali garanzie possano essere offerte alla nostra collettività per il Buon Governo da coloro che una volta eletti sono i primi a violare le Regole?

Per un atto di chiarezza dovuto e di sussunzione di responsabilità, ribadiamo che i Circoli fanno capo solo ed esclusivamente al presidente Tiziana Demma, ogni altra assunzione della predetta carica allo stato è illegittima e priva di ogni fondamento così come tutte le nomine recenti di coordinatori locali individuati in Sicilia e Calabria sono nulle e illegittime. I segni distintivi e le denominazioni usati nel tempo dal movimento o dai movimenti in esso confluiti o che in esso confluiranno, anche se non utilizzati o modificati o sostituiti, sono di proprietà esclusiva dei Circoli della Lega dei Meridionali.

Ringraziamo coloro che hanno già segnalato e vorranno segnalarci ogni ulteriore uso abusivo e illegittimo dei nostri simboli e delle denominazioni del nostro Movimento.

Aperti a tutti coloro che vorranno unirsi alla nostra Missione condividendo la nostra linea di pensiero nel rispetto dei principi etici e delle regole e chiudiamo le porte a chiunque abbia smesso di farlo, liberi di agire, ma fuori dai nostri Simboli”.
Leggi la diffida legale inviata da Tiziana Demma a Salvatore Albelice che minaccia azioni legali e taccia di nullità e illegittimità tutte le nomine da egli operate”.

© Riproduzione Riservata
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.