22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

IL CASO

Cisl Scuola: “Ministro istruzione si scusi con gli insegnanti della Sicilia”

11 Febbraio 2019

“Il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti dovrebbe semplicemente scusarsi pubblicamente per le sue infelici affermazioni con tutti gli operatori del sistema scolastico che al Sud, e in Sicilia, garantiscono attività e missione formativa in contesti di cronica arretratezza delle strutture scolastiche e di disagio sociale”. Cosi Francesca Bellia segretario generale Cisl Scuola Sicilia interviene dopo le parole del Ministro alla Pubblica Istruzione Bussetti sugli insegnanti del Sud.

“Purtroppo da quella frase pronunciata di fretta traspare l’esatto pensiero sul Meridione della compagine politica che sostiene il governo di cui fa parte. L’intera comunità scolastica siciliana non può non sentirsi umiliata e frustrata quando, invece di riconoscere le difficoltà e lo spirito di sacrificio, si lanciano messaggi preoccupanti e fuorvianti rispetto alle reali condizioni di fragilità e di scollamento istituzionale in cui è lasciato il sistema scolastico al Sud più che al resto del Paese” .

Bellia conclude: “Il Ministro dovrebbe sapere che il divario col resto del Paese nella scuola è il frutto dei tagli e dei ritardi di investimenti e risorse che si trascina da tempo. Una situazione che dovrebbe casomai sollecitare ancora di più un ministro della Repubblica ad assumersi gli oneri e le responsabilità che gli competono”.

 

LEGGI ANCHE:

Papatheu: “Bussetti ha offeso il Sud, si dimetta subito e vada a studiare”

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.