Città dei Ragazzi Palermo, ancora disagi per i piccoli utenti. Gelarda: "Manca un progetto" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia del responsabile regionale Enti locali della Lega

Città dei Ragazzi Palermo, ancora disagi per i piccoli utenti. Gelarda: “Manca un progetto”

di
7 Luglio 2019

Non c’è pace purtroppo per la città dei ragazzi. Oggi i piccoli fruitori della struttura hanno trovato la sgradevole sorpresa del trenino fermo per mancanza di personale e del Battello fuori uso per un guasto al timone“. A sottolineare il disagio vissuto dai piccoli utenti della città dei ragazzi è Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo dal Partito di Salvini in consiglio comunale.

La situazione della città dei ragazzi continua a essere disastrosa” dichiara Gelarda.

È vero che si è riusciti ad aprire anche il pomeriggio l’unica struttura dedicata ai bambini gestita dal comune di Palermo. Ma la situazione è estremamente triste. A parte il fatto che per mancanza di personale il trenino non sempre funziona, e che per l’ennesimo guasto il battello non può navigare, non c’è nessuna attività di animazione svolta per i ragazzi. I pochi operatori che ci sono, molti di meno rispetto a prima e con meno ore da svolgere, possono a mala pena aprire e sorvegliare la struttura”, prosegue il consigliere comunale.

È intollerabile – continua il responsabile regionale Enti locali della Lega – che l’unica struttura per bambini del comune di Palermo, in una città che per i bambini offre molto poco, non preveda alcun tipo di animazione o di attività per i piccoli. Per questa ragione il gruppo consiliare della Lega ha chiesto un incontro immediato con l’assessore alle attività sociali, perché vogliamo capire qual è la programmazione del comune su questa struttura. Cosa vogliamo investire per i nostri piccoli. Non basta solo riattivare il trenino e il battello, bisogna rendere questa città dei ragazzi un polo di attrazione per i bambini di tutta la città” conclude Gelarda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.