Città Metropolitana di Messina: nel 2019 appaltati 30 mln di lavori, ora altri 50 mln :ilSicilia.it
Messina

il bilancio e le prospettive di Palazzo dei Leoni

Città Metropolitana di Messina: nel 2019 appaltati 30 mln di lavori, ora altri 50 mln

di
30 Dicembre 2019

Il sindaco metropolitano Cateno De Luca ha esposto oggi a Palazzo dei Leoni la situazione amministrativa e progettuale della Città Metropolitana di Messina. Nel corso di una conferenza stampa l’analisi del primo inquilino dell’ex Provincia regionale di Messina ha evidenziato come l’ente abbia operato in termini efficaci, anticipando i tempi operativi con la predisposizione dei progetti che, una volta ottenuti i finanziamenti, saranno ora cantierabili nel nuovo anno.

“La Città Metropolitana di Messina – ha affermato De Luca – ha operato con grande efficienza e sono orgoglioso di poter affermare che siamo stati più virtuosi di Catania e Palermo, nonostante il nostro Ente si trovi a gestire un Masterplan che coinvolge l’intero territorio provinciale mentre nelle altre due Città Metropolitane siciliane la progettazione riguarda esclusivamente i due capoluoghi”.

I numeri che sono stati esposti evidenziano come nel 2019 gli investimenti sono cresciuti rispetto all’anno precedente e che, oltre ad intervenire sulle emergenze, si è lavorato per predisporre un piano progettuale che vedrà Palazzo dei Leoni protagonista nei prossimi anni. In particolare, nel 2019 sono stati appaltati oltre 10 milioni di euro per interventi negli istituti scolastici e oltre 18 milioni di euro per lavori sulle strade provinciali; nel 2020 saranno appaltati interventi sui plessi scolastici per oltre 8 milioni e mezzo di euro mentre oltre 43 milioni di euro riguarderanno lavori sulle strade di competenza della Città Metropolitana; inoltre, dopo oltre tre anni, è stato effettuato un rimborso di 613.000 euro a tutti gli istituti superiori per interventi di piccola manutenzione: si tratta di somme ricavate grazie al taglio di una serie di costi correnti.

Per quanto riguarda il Patto per la Città Metropolitana di Messina, che ammonta a complessivi 332 milioni di euro, Palazzo dei Leoni è stato gratificato con l’assegnazione di una premialità di 3 milioni di euro perché, rispetto alle altre Città Metropolitane, nel 2019 ha fatto registrare una performance importante; il bonus è stato destinato alla realizzazione di tre nuovi asili nido nella città di Messina.

Sempre nell’ambito del Masterplan, si è chiesta ed ottenuta la revisione di circa il 40% dei progetti previsti e questo ha consentito di destinare per importanti infrastrutture strategiche delle risorse che riguardano in particolare la Città di Messina: tra queste rientrano i 25 milioni destinati alla riqualificazione della linea tranviaria e gli oltre 7 milioni per il potenziamento idrico della città di Messina che vede quale soggetto attuatore l’Amam.

Cateno De Luca

“La performance della Città Metropolitana di Messina – ha detto De Luca – si è rivelata superiore a quella di Catania e Palermo in termini non solo di spesa ma anche di progettazione: la percentuale di spesa nel Masterplan, in un solo anno, è stata di oltre il 25% che ci porterà ad appaltare tutto il resto delle opere entro il 31 dicembre 2021“. altro aspetto fondamentale emerso nel corso dell’incontro odierno riguarda la strategia di potenziamento della viabilità che la Città Metropolitana ha posto nei confronti della città di Messina.

Il 3 gennaio 2020 sarà inaugurata la prima parte della Panoramica dello Stretto, completata grazie ad un investimento di circa 2 milioni di euro; alla stessa arteria stradale sono stati destinati ulteriori 2 milioni e mezzo di euro per il tratto compreso tra la galleria Bosurgi e Papardo i cui lavori andranno in appalto entro il mese di settembre del 2020 e realizzeranno il completamento dell’attuale asse viario. Sempre per la Panoramica dello Stretto è stato ottenuto un finanziamento di 280.000 euro per la realizzazione del progetto esecutivo che interesserà l’asse viario strategico Granatari-Mortelle.

Inoltre, è stato intercettato un finanziamento di 230.000 euro per realizzare la variante in corrispondenza del centro abitato di Faro Superiore che diventerà cantierabile entro il 2020. Con questi interventi sulla Panoramica dello Stretto sarà eliminato l’attuale limite di velocità fissato a 30 km/h e sarà stabilito il nuovo limite di 70 km/h. Infine, per la progettazione esecutiva riservata al potenziamento ed alla messa in sicurezza della pista ciclabile sarà disponibile un finanziamento di 140.000 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin