Città metropolitane e liberi consorzi, Ugl Sicilia: "Soddisfatti per accordo Stato – Regione" :ilSicilia.it

Il sindacato si esprime sulla chiusura dell'accordo

Città metropolitane e liberi consorzi, Ugl Sicilia: “Soddisfatti per accordo Stato – Regione”

di
9 Maggio 2019

Sulla chiusura dell’accordo tra Stato e Regione Siciliana sui fondi per le Città metropolitane ed i Liberi consorzi comunali, interviene la Ugl Sicilia con il suo segretario regionale Giuseppe Messina ed i segretari delle unioni territoriali Eugenio Bartoccelli (Agrigento), Andrea Alario (Caltanissetta), Giovanni Musumeci (Catania), Franco Arena (Enna), Antonino Sciotto (Messina), Franco Fasola (Palermo), Antonino Galioto (Siracusa), Gianna Dimartino (Ragusa), Mario Parrinello (Trapani).

Siamo soddisfatti perché le rassicurazioni ricevute dal Governo regionale ed in particolare dall’assessore regionale dell’economia Gaetano Armao, hanno avuto immediato riscontro con la conclusione della trattativa che porterà nelle casse delle ex province 100 milioni di euro che andranno sommati ai 102 milioni di euro stanziati dalla Regione stessa. Una liquidità considerevole che servirà per rimpinguare le casse di questi enti, ormai vuote da tempo, che hanno generato bilanci al limite del dissesto economico – finanziario” affermano.

La battaglia più importante, che è stata anche la nostra, è stata però quella della cancellazione del prelievo forzoso. Con la prossima legge di bilancio nazionale, infatti, non ci sarà più una vergogna del genere, che per anni ha rappresentato un vero e proprio furto ai danni dei siciliani, ma le risorse liberati assicureranno annualmente alle Città metropolitane ed ai Liberi consorzi garantirà una somma pari a oltre 200 milioni. Di fondamentale importanza – prosegue Messina – è, inoltre, la modifica della normativa sull’approvazione dei bilanci che consentirà la chiusura dei rendiconti del 2018 e degli anni precedenti anche senza il preventivo approvato e la possibilità di redigere ed approvare per il 2019 un bilancio annuale e non triennale“.

Adesso, quindi, con le governance che si andranno a definire con le elezioni di fine giugno, potremmo davvero porre fine ad una stagione buia, quella avviata dal Governo Crocetta, con la quale si voleva cancellare in un solo colpo anni di storia delle gloriose province regionali. Ci aspettiamo, dunque, che il presidente Nello Musumeci completi presto l’opera di rinascita degli enti intermedi, dando loro le giuste competenze per tornare ad essere protagonisti del territorio, per ridare dignità alle migliaia di lavoratori che in essi vi operano e che in questi anni sono stati pesantemente mortificati, nonché assicurare ai cittadini i servizi essenziali provinciali che meritano“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti