#cittàlaboratorio: al Teatro Montevergini "Storie - per un archivio della città teatrale" :ilSicilia.it
Palermo

dal 13 al 15 dicembre

#cittàlaboratorio: al Teatro Montevergini “Storie – per un archivio della città teatrale”

di
12 Dicembre 2019

Debutta venerdì 13 dicembre al Teatro Montevergini lo spettacolo “Storie – per un archivio della città teatrale“, progetto di narrazione teatrale a cura di Alfio Scuderi.

La pièce fa parte della seconda edizione del progetto #cittàlaboratorio – Storie, teatro e idee in movimento, organizzato dal Teatro Biondo di Palermo e dalle Orestiadi di Gibellina in collaborazione con l’Associazione Culturale Scena Aperta e con il sostegno dell’Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione siciliana.

In scena gli attori Salvatore Cannova, Federica D’amore, Clara De Rose, Silvia Di Giovanna, Simona Sciarabba, che racconteranno storie di Roberto Alajmo, Dacia Maraini, Luca Scarlini, Simona Sciarabba, Leonardo Sciascia.

Le immagini dello spettacolo sono di Enzo Venezia, le musiche e le sonorizzazioni dal vivo di Angelo Sicurella, la danza di Federica Aloisio.

Si tratta di una performance-installazione frutto di un percorso originale di creazione laboratoriale costruito intorno alle “storie della città” (repliche il 14 e 15 dicembre, biglietto euro 5).

Una staffetta itinerante di narrazioni, guidata da giovani attori della città. Storie è un progetto di conservazione e catalogazione “attiva” dell’identità culturale della Palermo teatrale, iniziato nella prima edizione attraverso una ricognizione critica sul lavoro di drammaturghi come Scaldati, Perriera, Gennaro e Licata che tale identità hanno contributo a far emergere e a diffondere.

La selezione

Il 18, 19 e 20 dicembre #cittàlaboratorio aprirà al pubblico le selezioni del premio teatrale dedicato agli artisti under 35.

Il premio, alla sua terza edizione, intende valorizzare nuovi progetti e nuovi linguaggi del teatro siciliano, incentivare lo sviluppo della nuova drammaturgia siciliana, promuovendola e diffondendola sul territorio nazionale.

Nei tre giorni al Montevergini, ognuna delle 19 compagnie di giovani e giovanissimi interpreti e registi che hanno risposto al bando, proporrà un “promo” di 10 minuti di spettacolo.

Il progetto ritenuto migliore da una giuria, di cui fanno parte i rappresentanti delle istituzioni che curano il premio ed esperti esterni, riceverà un premio di produzione (5000 euro) che servirà a presentare un’anteprima del lavoro alle Orestiadi di Gibellina (luglio/agosto 2020) e successivamente il lavoro compiuto al Teatro Biondo di Palermo.

È prevista anche una menzione speciale (che riceverà 2.000 euro) per presentare un’anteprima del lavoro alle Orestiadi di Gibellina.

L’ingresso alle selezioni del premio è libero fino ad esaurimento dei posti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.