"Ciuingam": Benassai e Bologna sono maschere della bellezza degli ultimi | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

al teatro Ditirammu

“Ciuingam”: Benassai e Bologna sono maschere della bellezza degli ultimi | Video intervista

di
28 Settembre 2019

Guarda la video intervista in alto

In quattro quadri di intenso travaglio emotivo si racconta la vita di Nino e Pietro, detto Ciuingam, da cui prende il titolo l’omonimo spettacolo tornato in scena, nuovamente, al Teatro Ditirammu dopo 38 anni dal debutto.

Tra le pietre miliari del teatro palermitano, che vanta più di quattrocento repliche non solo nell’Isola, nella versione ‘aggiornata’ ad oggi rimane immutata l’anima dei personaggi, caratterizzati da quella fragilità che rende speciali e indispensabili gli ultimi.

Nino, ruolo di Paride Benassai, autore anche del ‘felice testo’, e Pietro, per la prima interpretato da un emozionato Maurizio Bologna, sono due psicopatici che convivono, gomito a gomito, nella stessa clinica condividendo paure, gioie e speranze nell’indissolubilità di un legame profondo.

Finiu u munnu… e un mi rissiru nienti“.

Sono maschere della malattia che rende più umani, lasciateci passare questo paradosso, ma sono anche essenze della Palermo più vera e viscerale, che non è svanita, ed è per questo che Ciuingam – L’isola dei matti è uno spettacolo senza tempo.

È “u scrusciu” profondo, l’alito di una città complessa e dei suoi figli più sensibili quello che, nell’esecuzione irreprensibile e sentita dei due bravissimi attori, agevolati dall’affiatamento di una lunga conoscenza e stima reciproca, arriva allo spettatore nella forma di un delirio caustico, estremamente lucido e divertente al tempo stesso.

La povertà, la solitudine, la malinconia ma anche la dolcezza e la forza della reciprocità: c’è questo e molto altro nel dialogo fitto tra i due amici.

È la notte di Capodanno e Nino e Pietro, abbandonandosi ai ricordi, attendono il nuovo anno sperano attraverso vie improbabili ma pregne di poeticità, sublime e archetipica la possibilità di un uccello bianco che li porti altrove, di lasciare insieme la clinica nella speranza di recuperare “un cirivieddu bellu assistimatu“.

Muoino solo quelli che sanno cosa è la vita, la morte non è per i pazzi“: si danno coraggio i due amici alla fine anche se, nell’infedeltà di un destino già maligno, troveranno un distacco forzato e violento.

Quello che rimane al termine dello spettacolo, tra ripetuti applausi ai due bravissimi Benassai e Bologna, è la conferma che il teatro e la vita siamo compagini altrettanto indissolubili.

Repliche sabato 28, ore 21, e domenica 29, ore 18.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco