Clamoroso alla Regione, Musumeci azzera la giunta CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

il fatto

Clamoroso alla Regione, Musumeci azzera la giunta CLICCA PER IL VIDEO

di
12 Gennaio 2022

Centrodestra in tilt Sicilia. Il voto per i grandi elettori del Capo del Stato manda in frantumi la coalizione, già sfaldata da tempo perché un pezzo non condivide la scelta del governatore Nello Musumeci di ricandidarsi. Nonostante il faccia a faccia di due giorni fa con Gianfranco Micciché proprio per evitare il baratro nella votazione di questo pomeriggio, il presidente della Regione è stato impallinato dai franchi tiratori della sua maggioranza.

A caldo aveva pensato persino alle dimissioni pronte a consegnarle al Parlamento, ma qualche ora dopo in una diretta Fb, ha rilanciato: “Azzero la giunta, faremo un esecutivo che dovrà portarci all’ultimo giorno. Parlerò con i rappresentanti dei partiti, chiederò di darmi una rosa di assessori, alcuni saranno confermati. Qualcuno ha scritto Musumeci si dimette: io non lascio, raddoppio, rilancia; perché so di avere dalla mia parte la stragrande maggioranza del popolo siciliano al di là dei partiti“.

Il governatore ha ottenuto 15 voti in meno del presidente dell’Ars, ma soprattutto è arrivato alle spalle di Nunzio Di Paola del M5s, votato dalle opposizioni ma anche da pezzi del centrodestra. Uno sgarbo che aveva messo in conto, ma non di questa portata. Tant’è che nell’incontro con Micciché, riferiscono all’ANSA fonti vicine al governatore, era stato perentorio: “Io non ci sto, sono pronto a dimettermi“. E quello che ipotizzava è andato persino oltre. Ha ricevuto appena 29 voti, Micciché 44 e Di Paola addirittura 32. Un affronto che l’ha mandato su tutte le furie. “Basta, mi dimetto“, aveva detto a caldo agli assessori.

A quel punto tra i deputati della maggioranza in frantumi è scoppiato il panico, mentre dalle opposizioni arrivavano le richieste di dimissioni. Il governatore avrebbe voluto comunicarle direttamente al Parlamento. Ma con la complicità delle colombe del centrodestra che hanno tentato di mediare ed evitare il tracollo, Gianfranco Micciché ha evitato la clamorosa debacle della maggioranza, rinviando la seduta alla prossima settimana. E così il governatore, rimasto in aula per un’ora in attesa di potere parlare, alla fine ha lasciato l’Assemblea inferocito, annunciando che nel giro di 24 avrebbe assunto le sue decisioni.

E invece l’ha fatto in serata, in diretta sul suo profilo Fb: “Mi sono mancati 7-8 voti, sono stato eletto lo stesso ma il dato è politico. Alcuni deputati hanno pensato di compiere nei miei confronti, come si dice nel linguaggio giudiziario, un atto d’intimidazione, si tratta di una sorta di resa dei conti dal loro punto di vista“. E ha aggiunto: “Sono deputati che mi hanno fatto richieste irricevibili e ho dovuto dire di no o di di deputati che per una questione di igiene non ho voluto avere rapporti in questi anni“. “Possono pensare che questi 7 scappati di casa che un presidente che non è stato condizionato dalla mafia può essere condizionato da loro? – ha proseguito – Possono mai pensare di esercitare su questo governo qualunque tipo di richiesta trasversale mandando messaggi che appartengono al peggiore dei linguaggi della comunicazione? Sciagurati. Ho provato tanta amarezza. Sono convinto che bisogna abbandonarli per strada questi disertori, ricattatori che operano con la complicità del voto segreto. Io ho le mani libere. Restiamo a lavorare e restiamo a lavorare proprio perché non voglio sopravvivere nel palazzo ma perché ho un rapporto con la gente“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin