22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.30
Messina

Il sindaco di Santa Teresa subentrerà al suo mentore

Clamoroso all’Ars, De Luca sgancia un’altra bomba: “Mi dimetto e lascio il posto a Lo Giudice”

2 Maggio 2018

Staffetta in vista all’Ars.

Nelle stesse ore in cui si va arroventando il clima politico per le Comunali a Messina ed esplode lo scontro con Dino Bramanti, Cateno De Luca sgancia un’altra “bomba” e preannuncia le sue dimissioni dall’Assemblea Regionale, in favore del primo dei non eletti. Al suo posto è pronto a subentrare Danilo Lo Giudice, 31enne sindaco di Santa Teresa di Riva che nel giugno dello scorso anno è diventato con voto plebiscitario proprio il successore di De Luca al vertice del comune ionico.

“Sono pronto a rinunciare allo scranno a Palermo, dove mi sostituirà un ragazzo di 31 anni, io ne ho già 46 e ho qualche acciacco – fa sapere De Luca -. Il ragazzo di cui parlo, Danilo Lo Giudice, è molto più bravo e molto più energico di me ed è direttamente collegato a noi. Lascio l’Ars, c’è chi mi sostituisce ma finalmente ci sarà un sindaco anche a Messina”. 

De Luca si dice, insomma, certo di poter vincere la partita politica delle elezioni amministrative a Messina, dove stando ad alcuni sondaggi potrebbe contendere il successo al ballottaggio al candidato del centrodestra Dino Bramanti. E De Luca, intanto, è pronto a fare spazio all’Ars al suo “fedelissimo” Lo Giudice.

All’Ars entrerebbe così il giovanissimo numero due di “Sicilia Vera”, che alle Elezioni comunali del giugno 2017 a Santa Teresa di Riva vinse con il 70% dei consensi . Lo Giudice nei mesi successivi si è candidato all’Assemblea regionale, posizionandosi alle spalle di De Luca. In quella occasione, nel voto del novembre scorso, nella lista Unione di Centro (collegata a Nello Musumeci) giunse al primo posto e fu eletto De Luca con 5418 voti e al secondo posto Lo Giudice con 4298 voti.

Lo Giudice alle Regionali è risultato allora il più votato tra i candidati all’Ars in 11 Comuni della zona ionica e ha fatto ovviamente il pieno nella sua città, a Santa Teresa di Riva, con 1853 voti. Anche ad Alì, Alì Terme, S. Alessio, Forza d’Agrò, Pagliara, Savoca, Casalvecchio, Nizza e Roccafiorita, e a Roccalumera, Lo Giudice ha sbancato, consolidando il suo ruolo politico emergente alle spalle del “mentore” De Luca. Ora si va verso la staffetta strategica, condivisa dal deputato con il primo cittadino di Santa Teresa di Riva.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.