Classe dominante estrattiva :ilSicilia.it

Classe dominante estrattiva

di
2 Agosto 2021

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva, che invece di avere come obiettivo il bene comune, spesso, ha come unico scopo quello della propria sopravvivenza.
In tal senso deve perseguire e soddisfare le esigenze dei propri clientes, che continueranno a dare il proprio consenso e a raccogliere i voti per la successiva elezione soltanto se vengono soddisfatte le loro esigenze, alcune volte legittime altre volte criminali.

Bene in Sicilia di gruppi di potere assolutamente staccati da qualunque ideologia e pronti a saltare sul carro del probabile vincitore, ce ne sono parecchi. In tal senso fare una distinzione tra destra e sinistra non è opportuno, considerato che tali personaggi, che rappresentano l’assunto dichiarato, si trovano in qualunque raggruppamento.
Per cui ci accorgiamo che ci sono personaggi che passano tranquillamente dalla sinistra alla destra più radicale, magari ricoprendo ruoli apicali, con qualche passaggio da problemi giudiziari, per poi concentrare i propri voti sul delfino scelto.

L’esempio recente, ancora non consumato, di Sammartino, il re delle preferenze , che dal raggruppamento di Italia viva passa alla Lega è illuminante degli obiettivi che alcuni raggruppamenti si pongono che non vanno aldilà di quelli di mantenere posizioni di potere. Ovviamente il bene comune é assolutamente distante da qualunque tipo di progetto.

Non stupisce che vi sia chi è disponibile a seguire strategie diverse per cercare di rimanere a galla. Stupisce di più il comportamento degli elettori, disposti come gregge silente ad assecondare tali salti mortali tripli ed a rimanere fedeli a questo punto non si capisce più a cosa se non a una logica di opere e di interessi non dichiarabile. Il vero cambiamento non consiste nella mancata presenza di individui ambiziosi che seguano strategie personali importanti, ma piuttosto nella trasformazione del gregge silente pronto ad assecondare le velleità di potere di alcuni, in corpo consapevole dell’importanza del proprio voto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin