Classi pollaio in barba alle regole anti-Covid, la lettera di uno studente :ilSicilia.it

La situazione in un liceo di Bagheria

Classi pollaio in barba alle regole anti-Covid, la lettera di uno studente

di
23 Giugno 2020

Sta accadendo in tante scuole d’Italia. In barba alle normative anti-covid19, gli Uffici Scolastici Regionali stanno provvedendo, in molti istituti, all’accorpamento di diverse classi con un numero di alunni che potrebbe arrivare fino a 27 per ciascuna aula. Le famigerate classi pollaio di cui si è tanto parlato in questi mesi, ritornano in maniera paradossale in un momento storico in cui la sicurezza dovrebbe stare al primo posto.

È un circolo vizioso che però fa cadere in contraddizione il Ministro Azzolina e i suoi tanti proclami sul ritorno a scuola a settembre in piena sicurezza. Si è parlato di turnazioni, mascherine, distanziamento necessario tra gli alunni e i docenti e adesso risulta insopportabile la sola idea di stipare il mondo della scuola dentro aule che somiglierebbero a delle vere e proprie gabbie.

Sta anche succedendo in un Liceo di Bagheria dove le future terze saranno formate da almeno 25 alunni per classe. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di uno studente che ci racconta tutte il disagio e la preoccupazione che ne deriva in un momento difficile come quello che stiamo attraversando.

Di seguito la lettera di uno studente

Sono uno studente del Liceo Scientifico “G. D’Alessandro” di Bagheria e frequento l’attuale seconda. Esattamente due settimane fa, l’ultimo giorno di scuola con la didattica a distanza, ho scoperto, insieme alla mia classe, che la III classe della mia sezione non si sarebbe formata e che, sia noi che l’attuale II di un’altra sezione, saremmo stati smistati nelle rimanenti terze dell’Istituto. Ritengo, che in un normale anno scolastico, l’ultimo giorno di scuola debba essere un giorno felice, un giorno dove festeggiare tutti insieme la fine degli studi e un giorno dove ci si possa augurare una buona estate, per ritrovarci nuovamente tutti insieme a settembre, tra i banchi di scuola. Purtroppo, siamo tutti coscienti che questo non è un anno come gli altri, e sappiamo benissimo che quello che è successo in questi mesi passerà alla storia.

Io non vedo la mia classe al completo da più di centocinque giorni, come tutti gli studenti italiani, a causa del Covid-19. Mai mi sarei aspettato che, dopo due anni, in cui abbiamo stretto un legame forte e indelebile, quello sarebbe stato il mio ultimo giorno con loro. Sono certo che se ognuno di noi l’avesse saputo prima avrebbe fatto di tutto per rendere importante ogni singolo istante di quel giorno insieme.

Con la mia classe e, appoggiati dalle nostre famiglie, abbiamo chiesto spiegazioni e chiarimenti, ci siamo interrogati sul perché di questa triste scelta. Anzitutto, come sarebbe possibile smistare trentacinque ragazzi in altre sette sezioni arrivando a una media di venticinque studenti per classe in un periodo di distanziamento sociale? Piuttosto non sarebbe stato più giusto creare gruppi classe più ristretti? Perché si continua imperterriti con questa scelta nonostante la consapevolezza che la creazione di “classi pollaio” intralcerà del tutto le normative anti-Covid19 che dovrebbero essere adottate a settembre nelle strutture scolastiche? Crediamo che ripartire in classi che non sono le nostre, con ragazzi che non conosciamo nemmeno, e comportamenti anti-Virus da dover adottare, sia alquanto triste. Io e i miei compagni confidiamo in un cambiamento, confidiamo nel buon senso di persone che possano realmente cambiare le cose, speriamo nell’appoggio di molti altri ragazzi e studenti che oggi si trovano nella nostra stessa situazione, per fare insieme fronte comune e farci ascoltare. Ognuno di noi, è speranzoso in una svolta che possa cambiare le carte in tavola e di poter tornare tra i banchi di scuola insieme a tutti i compagni con cui abbiamo iniziato questo tortuoso viaggio, per poterlo finire insieme.

Andrea Arnone

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.