Classi pollaio in barba alle regole anti-Covid, la lettera di uno studente :ilSicilia.it

La situazione in un liceo di Bagheria

Classi pollaio in barba alle regole anti-Covid, la lettera di uno studente

di
23 Giugno 2020

Sta accadendo in tante scuole d’Italia. In barba alle normative anti-covid19, gli Uffici Scolastici Regionali stanno provvedendo, in molti istituti, all’accorpamento di diverse classi con un numero di alunni che potrebbe arrivare fino a 27 per ciascuna aula. Le famigerate classi pollaio di cui si è tanto parlato in questi mesi, ritornano in maniera paradossale in un momento storico in cui la sicurezza dovrebbe stare al primo posto.

È un circolo vizioso che però fa cadere in contraddizione il Ministro Azzolina e i suoi tanti proclami sul ritorno a scuola a settembre in piena sicurezza. Si è parlato di turnazioni, mascherine, distanziamento necessario tra gli alunni e i docenti e adesso risulta insopportabile la sola idea di stipare il mondo della scuola dentro aule che somiglierebbero a delle vere e proprie gabbie.

Sta anche succedendo in un Liceo di Bagheria dove le future terze saranno formate da almeno 25 alunni per classe. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di uno studente che ci racconta tutte il disagio e la preoccupazione che ne deriva in un momento difficile come quello che stiamo attraversando.

Di seguito la lettera di uno studente

Sono uno studente del Liceo Scientifico “G. D’Alessandro” di Bagheria e frequento l’attuale seconda. Esattamente due settimane fa, l’ultimo giorno di scuola con la didattica a distanza, ho scoperto, insieme alla mia classe, che la III classe della mia sezione non si sarebbe formata e che, sia noi che l’attuale II di un’altra sezione, saremmo stati smistati nelle rimanenti terze dell’Istituto. Ritengo, che in un normale anno scolastico, l’ultimo giorno di scuola debba essere un giorno felice, un giorno dove festeggiare tutti insieme la fine degli studi e un giorno dove ci si possa augurare una buona estate, per ritrovarci nuovamente tutti insieme a settembre, tra i banchi di scuola. Purtroppo, siamo tutti coscienti che questo non è un anno come gli altri, e sappiamo benissimo che quello che è successo in questi mesi passerà alla storia.

Io non vedo la mia classe al completo da più di centocinque giorni, come tutti gli studenti italiani, a causa del Covid-19. Mai mi sarei aspettato che, dopo due anni, in cui abbiamo stretto un legame forte e indelebile, quello sarebbe stato il mio ultimo giorno con loro. Sono certo che se ognuno di noi l’avesse saputo prima avrebbe fatto di tutto per rendere importante ogni singolo istante di quel giorno insieme.

Con la mia classe e, appoggiati dalle nostre famiglie, abbiamo chiesto spiegazioni e chiarimenti, ci siamo interrogati sul perché di questa triste scelta. Anzitutto, come sarebbe possibile smistare trentacinque ragazzi in altre sette sezioni arrivando a una media di venticinque studenti per classe in un periodo di distanziamento sociale? Piuttosto non sarebbe stato più giusto creare gruppi classe più ristretti? Perché si continua imperterriti con questa scelta nonostante la consapevolezza che la creazione di “classi pollaio” intralcerà del tutto le normative anti-Covid19 che dovrebbero essere adottate a settembre nelle strutture scolastiche? Crediamo che ripartire in classi che non sono le nostre, con ragazzi che non conosciamo nemmeno, e comportamenti anti-Virus da dover adottare, sia alquanto triste. Io e i miei compagni confidiamo in un cambiamento, confidiamo nel buon senso di persone che possano realmente cambiare le cose, speriamo nell’appoggio di molti altri ragazzi e studenti che oggi si trovano nella nostra stessa situazione, per fare insieme fronte comune e farci ascoltare. Ognuno di noi, è speranzoso in una svolta che possa cambiare le carte in tavola e di poter tornare tra i banchi di scuola insieme a tutti i compagni con cui abbiamo iniziato questo tortuoso viaggio, per poterlo finire insieme.

Andrea Arnone

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin