Classi pollaio in barba alle regole anti-Covid, la lettera di uno studente :ilSicilia.it

La situazione in un liceo di Bagheria

Classi pollaio in barba alle regole anti-Covid, la lettera di uno studente

di
23 Giugno 2020

Sta accadendo in tante scuole d’Italia. In barba alle normative anti-covid19, gli Uffici Scolastici Regionali stanno provvedendo, in molti istituti, all’accorpamento di diverse classi con un numero di alunni che potrebbe arrivare fino a 27 per ciascuna aula. Le famigerate classi pollaio di cui si è tanto parlato in questi mesi, ritornano in maniera paradossale in un momento storico in cui la sicurezza dovrebbe stare al primo posto.

È un circolo vizioso che però fa cadere in contraddizione il Ministro Azzolina e i suoi tanti proclami sul ritorno a scuola a settembre in piena sicurezza. Si è parlato di turnazioni, mascherine, distanziamento necessario tra gli alunni e i docenti e adesso risulta insopportabile la sola idea di stipare il mondo della scuola dentro aule che somiglierebbero a delle vere e proprie gabbie.

Sta anche succedendo in un Liceo di Bagheria dove le future terze saranno formate da almeno 25 alunni per classe. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di uno studente che ci racconta tutte il disagio e la preoccupazione che ne deriva in un momento difficile come quello che stiamo attraversando.

Di seguito la lettera di uno studente

Sono uno studente del Liceo Scientifico “G. D’Alessandro” di Bagheria e frequento l’attuale seconda. Esattamente due settimane fa, l’ultimo giorno di scuola con la didattica a distanza, ho scoperto, insieme alla mia classe, che la III classe della mia sezione non si sarebbe formata e che, sia noi che l’attuale II di un’altra sezione, saremmo stati smistati nelle rimanenti terze dell’Istituto. Ritengo, che in un normale anno scolastico, l’ultimo giorno di scuola debba essere un giorno felice, un giorno dove festeggiare tutti insieme la fine degli studi e un giorno dove ci si possa augurare una buona estate, per ritrovarci nuovamente tutti insieme a settembre, tra i banchi di scuola. Purtroppo, siamo tutti coscienti che questo non è un anno come gli altri, e sappiamo benissimo che quello che è successo in questi mesi passerà alla storia.

Io non vedo la mia classe al completo da più di centocinque giorni, come tutti gli studenti italiani, a causa del Covid-19. Mai mi sarei aspettato che, dopo due anni, in cui abbiamo stretto un legame forte e indelebile, quello sarebbe stato il mio ultimo giorno con loro. Sono certo che se ognuno di noi l’avesse saputo prima avrebbe fatto di tutto per rendere importante ogni singolo istante di quel giorno insieme.

Con la mia classe e, appoggiati dalle nostre famiglie, abbiamo chiesto spiegazioni e chiarimenti, ci siamo interrogati sul perché di questa triste scelta. Anzitutto, come sarebbe possibile smistare trentacinque ragazzi in altre sette sezioni arrivando a una media di venticinque studenti per classe in un periodo di distanziamento sociale? Piuttosto non sarebbe stato più giusto creare gruppi classe più ristretti? Perché si continua imperterriti con questa scelta nonostante la consapevolezza che la creazione di “classi pollaio” intralcerà del tutto le normative anti-Covid19 che dovrebbero essere adottate a settembre nelle strutture scolastiche? Crediamo che ripartire in classi che non sono le nostre, con ragazzi che non conosciamo nemmeno, e comportamenti anti-Virus da dover adottare, sia alquanto triste. Io e i miei compagni confidiamo in un cambiamento, confidiamo nel buon senso di persone che possano realmente cambiare le cose, speriamo nell’appoggio di molti altri ragazzi e studenti che oggi si trovano nella nostra stessa situazione, per fare insieme fronte comune e farci ascoltare. Ognuno di noi, è speranzoso in una svolta che possa cambiare le carte in tavola e di poter tornare tra i banchi di scuola insieme a tutti i compagni con cui abbiamo iniziato questo tortuoso viaggio, per poterlo finire insieme.

Andrea Arnone

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.