Classifica World’s Best Hospitals, Gelarda (Lega): "Nessun ospedale palermitano in lista" :ilSicilia.it

LE PAROLE DEL CAPOGRUPPO LEGHISTA

Classifica World’s Best Hospitals, Gelarda (Lega): “Nessun ospedale palermitano in lista”

di
10 Marzo 2021

Nella edizione 2021 del World’s Best Hospitals, la classifica dei migliori ospedali del mondo, sono indicati anche i 100 migliori ospedali italiani“, dichiara Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Palermo.

“La graduatoria è il frutto del lavoro svolto da Statista Inc – spiega il capogruppo –, una importante società statunitense che raccoglie ed elabora dati e dalla rivista Newsweek e si basa su alcuni parametri qualitativi. Sono stati raccolti dati da oltre 2.000 ospedali di 21 nazioni. Nella top 100 internazionale sono sette gli ospedali italiani presenti, tutti del nord, con l’eccezione del Gemelli di Roma“.

Se guardiamo però la sola classifica degli ospedali italiani – aggiunge -, tra i 108 migliori inseriti non se ne trova nessuno palermitano. Nella precedente, quella del 2020, al 74° posto, c’era Villa Sofia che però quest’anno non c’è . La Sicilia è rappresentata dai due ospedali catanesi Cannizzaro e Vittorio Emanuele.

Nonostante sia una classifica qualitativa, “e può basarsi su parametri opinabili, questa totale assenza di Palermo deve farci riflettere“, dice con disappunto Gelarda. Molto è stato fatto da questo governo regionale in ambito sanitario, impegnato anche nel contrasto all’epidemia, ma in città e provincia bisogna investire ancora sulla sanità, tanto negli ospedali, quanto nei servizi territoriali.

Ricordiamo che, pochi giorni fa, proprio a Palermo si è svolta una manifestazione per rimarcare l’assenza, in Sicilia occidentale, di due importanti reparti pediatrici come quelli della cardiochirurgia e della neurochirurgia. Anche alla luce di questo dramma che stiamo vivendo con il Covid, credo che gli investimenti in ambito sanitario siano assolutamente prioritari. Se il Recovery deve essere strumento per superare il gap tra nord e sud, quello sanitario è un esempio delle priorità da assumere“, conclude Gelarda.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.