Claudio Collovà: "Il teatro è un lavoro faticoso che insegna a vivere" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

il debutto il 29 gennaio

Claudio Collovà: “Il teatro è un lavoro faticoso che insegna a vivere” | Video intervista

di
27 Gennaio 2019

Guarda la video intervista in alto 

Dall’affido ai servizi sociali esterni alle tavole di un palcoscenico: Claudio Collovà continua a credere nel teatro come strumento di crescita e individuazione e, coinvolgendo sei ragazzi, porta in scena allo Spazio Franco dei Cantieri Culturali della Zisa, il 29, 30 e 31 gennaio (ore 21) “Il piccolo Amleto“, frutto del primo anno del Progetto “Palermo oltre le mura. A teatro con Shakespeare”.

Il piccolo Amleto

I giovani attori sono: Giovanni Paolo Di Fiore, Maria Cristina Florio, Giuseppe Greco, Angela Lo Presti, Davide Palmeri, Stan Razvan Costel.

La scelta del tema e dell’autore non è casuale, come ci dice Collovà nella video intervista, in linea con la finalità del progetto individuata in collaborazione con il Ministero della Giustizia, il Dipartimento di Giustizia Minorile e di Comunità, il Centro di Giustizia Minorile della Sicilia e l’USSM Servizi sociali per i minori di Palermo.

A teatro con Shakespeare” considera che i temi trattati nelle tragedie shakespeariane, giustizia e vendetta, la lotta per il potere e il dominio, la lealtà e il tradimento nelle tragedie cosiddette familiari, la forte relazione tra il dolore e la violenza, il potere dell’amore, e il ravvedimento sia sociale che individuale, siano temi che appartengano innanzitutto all’uomo, con un linguaggio molto concreto e allo stesso tempo intimo, in grado di raccontare anche a un gruppo di adolescenti storie drammatiche e molto affascinanti che li riguardano da vicino.

Il piccolo Amleto“, tratto dell’amore incompiuto tra Amleto e Ofelia si sviluppa intorno a questo nucleo narrativo considerato centrale: l’elaborazione drammaturgica originale verte su una coppia di amanti che avrebbe potuto vivere un diverso destino se non fosse stato lacerato da ordini adulti e paterni.

Evadere con il teatro: non è un gioco di parole ma una possibilità concreta, l’occasione di confrontarsi e di creare le basi per una futura professione.

Collovà
Claudio Collovà

Durante il laboratorio – ci ha detto Collovà – i ragazzi hanno compreso le parole di Shakespeare, le hanno rese concrete e oggi le recitano con padronanza. All’inizio ci sono sempre molte difficoltà ma poi si diventa amici e si lotta per realizzare qualcosa insieme. Non è facile andare in scena e stare davanti ad un pubblico, penso che il teatro soprattutto in queste situazioni aiuti e serva a dimenticare alcune cose ma è importante continuare anche fuori dal carcere“.

Lo spettacolo, realizzato in collaborazione con Comune di Palermo – Assessorato alla Cultura, Cantieri Culturali alla Zisa, Associazione Baccanica, Officine Ouragan, Officine del Costume, Coordinamento Nazionale di Teatro e Carcere e Spazio Franco, prevede un’offerta libera all’ingresso (informazioni e prenotazioni allo 3662150293).

Scheda dello spettacolo

“Il piccolo Amleto”
direzione Claudio Collovà
co-direzione Daniela Mangiacavallo
assistenti laboratorio: Eletta Del Castillo, Giuditta Jesu
costumi Roberta Barraja
assistenza ai costumi: Marta Fasulo, Francesca Mandalà, Alice Perez
fotografia Alessia Lo Bello

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.