“Clicca e vai”, l’App per gestire in sicurezza i flussi di persone nel Centro Commerciale Ibleo | FOTO :ilSicilia.it
Ragusa

A Ragusa

“Clicca e vai”, l’App per gestire in sicurezza i flussi di persone nel Centro Commerciale Ibleo | FOTO

di
9 Luglio 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Le nuove esigenze della ripartenza, dopo la fase di stop legata alla pandemia da Covid-19, stanno diventando ritmi di quotidianità per tutti. È con questa consapevolezza che il Centro Commerciale Ibleo (Ragusa) lancia la web app “Clicca e vai”, oltre a una serie di altre iniziative rivolte alla comunità di consumatori in un periodo particolarmente delicato come quello attuale. È già operativa, da pochi giorni.

Si potrà prenotare il proprio ingresso nel negozio di interesse del Centro. È andare evitando file e affollamenti. Un modo, insomma, per evitare code davanti ad ogni attività commerciale che soddisfa a pieno le attuali disposizioni vigenti.

Operativa tra pochi giorni, con Clicca e vai il Centro commerciale ibleo farà un ulteriore passo in avanti per garantire maggiore sicurezza nella fruizione dei suoi locali, ma anche nel permettere ad ognuno di avere il proprio “appuntamento” presso l’attività commerciale scelta senza dover aspettare e fare la solita (distanziata) coda all’ingresso di ogni negozio.

Il Centro commerciale ibleo ha affrontato l’emergenza Coronavirus dimostrando sempre la massima attenzione. Dopo la fase del lockdown che aveva visto l’apertura dell’Ipercoop e di pochissimi esercizi commerciali, la riapertura generale di tutti i negozi era già stata vissuta in sicurezza e con una precisa ed efficace informazione nei confronti dell’utenza. La fruibilità delle attività, nel segno del distanziamento e della sicurezza, grazie alla campagna “Segui il buon senso” è sempre stata garantita; dalla segnaletica lungo tutta la galleria (ormai a senso unico di marcia) al video tutorial e i post Social, ai consigli sugli orari migliori per andare al Centro essendo meno “affollati”, all’interno di locali disinfettati tre volte al giorno e con adeguato personale di sicurezza.

Clicca e vai segna il passo in più.

Attraverso l’innovativo sistema, ognuno potrà attraverso la pagina http://centroibleo.it/cliccaevai, selezionare il negozio che vorrà raggiungere, scegliere giorno e fascia oraria disponibile e prenotare con un click. In questo modo non solo si eviterà la fila, ma anche – qualora dovesse esserci – chi ha utilizzato il servizio avrà priorità in ingresso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.